Ecco il mio primo secondo post!
Questo è il prologo del libro che sto scrivendo... spero piaccia :) (è un fantasy)


PROLOGO
-Prendetela!!!-
Un uomo basso e tarchiato stava gridando con tutto il fiato che aveva in gola sprigionando l'odore di tutti gli anni in cui non si era mai lavato i denti.
-Non mi avrete mai!!- rispose di rimando una ragazza sui diciotto anni con lunghi capelli neri lisci, occhi a mandorla verdi e pelle eburnea. Correva. Volteggiava esibendo salti mortali. Impugnava una lunga spada. Un gufo le volava alle spalle. Lei è Mianfèi de, nata e istruita per essere una maga e un guerriero provetto.
-Dovresti smetterla di rubare in continuazione- questa frase piena di saggezza e, sfortunatamente, inascoltata venne pronunciata dal piccolo gufo marrone con le ali spiegate -Thorold, non iniziare, lo sai che lo faccio per indagare a proposito del mio oggetto magico- sbuffò Mianfèi de. Ormai si erano calmati e il vecchio Yì aveva perso per sempre un altro libro.
-Dimmi che almeno questo lo restituirai...- sperò il gufo con tutto il suo piccolo cuoricino di notturno -No, assolutamente, i libri non sono al sicuro con quel vecchio scemo-
-Vorrai dire vecchio sciagurato, ancora una mezza dozzina di libri e si dovrà rifare la bottega- un'altra frase mai ascoltata -Thorold, lui i libri non li vende, li tiene lì per bellezza, una bellezza fuori luogo in ciascun posto dove lui sta-.
La ragazza indossava un leggero abito color delle canne di bambù mature, delle calze che partivano dalla vita tagliate al ginocchio e delle comode pianelle di tela nera, inoltre, legata alla cintola, si ergeva minacciosa una spada.
Mianfèi de era un'apprendista maga incredibilmente abile, in quel momento si stava recando all'abitazione della sua maestra: Mìngzhì. Anche lei ci viveva, aveva perso i genitori da piccola eppure non aveva mai versato una lacrima. Era felice di essere così talentuosa in fatto di magia e addestramento alle armi, era una delle poche persone a poter vantare il compiuto svolgimento dell'evocazione della sua Yìshì: Thorold.
Il carattere della Yìshì era sempre opposto al carattere dell'evocatore. Quindi, per quanto il gufo poteva essere saggio e onesto lei era testarda e scaltra.
Finalmente arrivarono da maestra Mìngzhì, la casa era imponente, costituita da legno, a pagode, verniciata di rosso e nero.

lo so che è molto corto... ma è solo il prologo :)

Commenti

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Il mio libro non uscirà

Mani fredde, cuore caldo