Maschera... Follia, genialità... :)

Ho una personalità irascibile e un carattere di merda. In fondo so che non troverò mai nessuno che mi ami per quella che sono, per colpa mia. Le persone non si legano a me, o sembrano legarcisi e poi capisco che sono trattenuti da invisibili corde sottilissime.
Qui, in camera mia, in un posto che non è mio, ho appena finito una lite con mia madre e faccio a pezzi una targhetta.
La smetto, alzo lo sguardo e vedo una fatina di terracotta.
Bruttissima, la testa incollata a casaccio dopo il suo incontro con il pavimento di una settimana fa, sorridente. Sorride e sembra aver capito tutto. Non posso evitare di piegare la bocca in un sorriso leggero.
Voglio stare sola, sbollire la mia rabbia innaturale.
Ricordo che solo ieri ero felice e avevo detto che volevo incrementare il mio rapporto sociale.
Ora sono felice, a voglio solo leggere. Perdermi nel mio mondo di follia pura. Leggere guardando la pioggia che cade a pochi centimetri da me.
Ho qualcosa che non mi funziona in testa. Non provo desiderio di parlare. Vorrei solo trovare un posto lontano e andare a viverci per sempre. Un posto dove la gente non debba indossare la propria maschera.
Non sono una normale adolescente.


Non fate caso a me, scusate, sono in una fase di umore no... eh, chissà perché stavo scrivendo amore no.  Però è vero, ho paura che essendo me stessa gli altri non mi vogliano, ma non posso pensare di cambiarmi. Ci sono due modi di vedere l'immagine sopra: 
  • Le persone false sono soliti vedere la ragazza che si sta mettendo la maschera. 
  • Quelle sincere (le peggiori, quindi) vedono la ragazza che se la sta togliendo (invito tutti bigotti a non dire ciò che vedono)
Questo in teoria doveva essere un post dove dicevo quello che pensavo su -Il meglio di me- di Nicholas Sparks. 
Non sono brava a recensire, dico solo che mi è piaciuto molto, ma non è il genere di libro che mi appassiona sinceramente, perciò gli ho dato 3 stelle e mezzo. 

Le frasi che mi sono piaciute di più: 

"L'ostilità che li circondava li indusse a stare ancora più uniti" 

"Ora si rendeva conto quanto le fossero mancate quelle discussioni. Non per il litigio in sé, ma per la fiducia che implicava e il perdono che seguiva inevitabilmente. 
Perché alla fine si perdonavano sempre."

"Amanda era sempre stata un mistero. Già da piccolina aveva le sue opinioni su tutto, ed era cocciuta come un mulo" 

"PER SEMPRE. Aveva inciso quelle parole. Una promessa da adolescenti, nient'altro, ma in qualche modo era riuscito a mantenerla"

"Due braccia forti si avvolsero intorno al mio corpo e mi fecero protagonista di così tante emozioni da averne quasi paura" (questa non la troverete nel libro, l'ho scritta io) 

E ho scritto tanto altro. Altro che forse rimarrà per sempre nelle pagine di questo libro, fino a quasi sbiadirsi o che, un giorno, trascriverò in un altro libro, solo che quello sarà mio. 

E infine u_u 
Occorre avere un po' di caos in sé per partorire una stella danzante. Friedrich Nietzsche.  



7 commenti:

  1. ._. Sono una brutta persona... la tizia si sta togliendo la maschera...

    RispondiElimina
  2. @marten, sei la persona migliore che possa esserci, quello era il mio modo per dire che, a questo mondo, le persone sincere vengono viste come brutte persone, ma la verità è che hai passato il mio piccolo esame, sei una persona sincera e buona :) anch'io la vedo che si toglie la maschera :)
    Ti stimo molto!

    RispondiElimina
  3. Ahahah grazie XD
    Comunque, a parte il fatto che ti stimo anch'io, se vedessi una ragazza che si mette la maschera non te lo direi (o se fossi un'altra persona mentirei... tanto per stare in argomento!). E' strano come reagiamo a questi "test" (anche quelli nella vita reale).
    Io tendo a dire le cose come stanno e questa cosa mi ha portato spesso a litigare con la gente... Ma adesso sto imparando COME dire le cose e va meglio xD
    Insomma essere sinceri, soprattutto con se stessi, alla fine è la cosa migliore! :D

    RispondiElimina
  4. Penso le stesse cose su me stessa a volte, non ho molte amiche,anzi solo due. Il mio carattere particolare a volte allontana le persone. Sto però cercando di non pensare che le persone non mi vogliono perché altrimenti mi sa che succede davvero.
    Penso che a volte capita di non aver voglia ne di parlare, ne di socializzare. Magari quando arriverà il momento giusto lo farai spontaneamente!
    Ti auguro di trascorrere delle buone festività!
    A presto..Sibilla

    RispondiElimina
  5. @Sibilla, grazie, è che sono abbastanza complicata :)

    RispondiElimina
  6. Eccomi qua. Volevo ringraziarti per essere passata da me. Mi fa un effetto strano che una quindicenne si interessi a quello che scrive una persona che potrebbe essere..sua mamma. Ma è anche vero che credo nell'amicizia tra persone di età diverse: se ci sono delle affinità l'età è solo una condizione mentale.
    A proposito del post, ti chiedo: Esiste un'adolescente normale? Sei solo una persona che sta crescendo e mi sembra che ti sia fatta già delle idee personali e importanti. E dopotutto dovrebbe essere così per tutti: fin dalla nascita dovremmo essere "work in progress" perché smettere di mettersi in gioco e in discussione è un po' come morire.
    Perciò cerca il meglio dalla vita e, detto da una che non ha mai avuto tanti amici, non bisogna avere paura di stare soli, però neanche di accettare una mano tesa per orgoglio.
    Mi ha fatto piacere incontrarti e scusa se sono stata un po' prolissa.

    RispondiElimina
  7. Ma figurati, amo le persone prolisse, lo sono anch'io xD
    Io so che l'amicizia tra persone di età molto diverse esiste, mia madre a 17 anni aveva fatto amicizia con un'anziana signora di 76 anni, perciò, figurati tu =D

    RispondiElimina

Amo i commenti perché mi fanno sentire ascoltata e mi aiutano a continuare questa mia piccola impresa ;)