Un'immagine di Facebook che fa riflettere?? Incredibile O_O

Vi scrivo da casa dopo un abbondante piatto di lasagne, carne e altre squisitezze assortite, non sto sbavando (=Q__)... ho passato la mattinata a studiare ininterrottamente, beh, con qualche pausa per la lettura del libro... Maggio sarà comunque un concentrato di verifiche e altre cose, tipo: le prove invalsi (nemmeno io ho capito esattamente cosa siano), assemblee d'istituto, assemblee di classe, gare sportive, manifestazioni, scioperi, un pentolone ribollente di cose da fare. E qui, direte voi, sale la depressione. Invece io adoro i periodi pieni di lavori da sbrigare, la frenesia, le feste dell'estate, i primi bagni, il gelato sul lungolago, la sera in quel cavolo di locale (che non mi piace per niente) o al cinema ** sognare l'estate ad occhi aperti è quello che faccio pressappoco ogni ora di ogni giorno. Volare con la fantasia è quello che faccio sempre. Naturale come bere un bicchier d'acqua.
Ma non è di questo che volevo parlare, né della scuola né dell'estate bensì di qualcosa che mi verrà in mente tra pochi secondi, suppongo.



Prima di tutto voglio ringraziare Alic di Alic is here! per tutti i premi che mi ha donato, in fondo ce li diamo e restituiamo questi premi xD però fa sempre un piacere enorme riceverli.
Ecco, mi è venuto in mente l'argomento di oggi: da un po' di tempo su Facebook gira questa immagine in inglese che io ho fortunatamente trovato tradotta:

 

Volevo riflettere sull'importanza di quest'immagine. Abbiamo tutti capito, credo, che questo testo è contro la sottomissione degli uomini e l'importanza di essere davvero liberi. 
Molti amerebbero avere una vita così, io no. Non ho cambiato idea dopo che ho visto l'immagine, lo pensavo da tempo. 
Nessuno dice che una vita come quella descritta sia brutta e non renda, penso solo che sia tremendamente triste. Io voglio seguire ciò che sogno, non voglio trovarmi un lavoro a caso, sposarmi e andare avanti così, la mia vita, in questo modo, sarebbe inutile. Non voglio trovarmi un giorno sul letto di morte e capire che quello che ho fatto nella vita non mi ha resa felice, mi ha resa normale. 
Io figli e marito non li ho mai voluti, ma a parte questo, distinguersi è essenziale. Se uno non prova nemmeno ad essere il punto colorato in mezzo ai punti grigi allora sarà sicuro che quella massa uniforme non diventerà mai un arcobaleno. La gente ha bisogno di qualcuno che inizi e se tutti pensano: "Sarà lui a distinguersi per primo, io sarò il secondo" otterrà di essere unicamente quello che è sempre stato: una pecora. Se tutti ci accettassimo il mondo sarebbe una tavolozza colorata. 
La mia teoria è che il governo e la Chiesa e altre forme di potenza ci stanno obbligando a seguire dei miti. Ci stanno insegnando ad essere il cittadino perfetto, a seguire LORO. Quando dovremmo accettarci, ognuno di noi è speciale a modo suo. 
Esistono due tipi di persone al mondo: 
Quelli che vogliono essere chi sono e avverano i propri desideri e quelli che inseguono ideali irrealizzabili e si perdono in qualcosa che non c'è. 
Io voglio vedermi da vecchia a pensare cos'ho fatto nella vita e a rispondermi: ho trovato la mia libertà. 

 

12 commenti:

  1. Concordo con tutto quello che hai detto...sono pensieri davvero importanti e che fanno riflettere su un argomento importante come questo: la vera libertà. Cmq anche io penso all'estate e a quanto mi divertirò, però ho gli esami quest'anno :'( xD :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Anto! ^^

    Passa dal mio blog, c'è una sorpresa per te! ;P
    http://ilpozzodeisussurri.blogspot.it/2012/04/premio-antares-grazie-alice.html

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, penso che tu abbia ragione. Ci sono delle cose che il più delle volte si fanno perchè "si usa così", perchè è così che si è sempre fatto. Purtroppo c'è sempre meno gente dotata di senso critico che pensa con la propria testa. Fa piacere sapere che qualcuno di giovane che ancora si pone delle domande c'è!

    RispondiElimina
  4. Ciao Anto! ti ho premiata sul mio blog ^^ http://miopaesedellemeraviglie.blogspot.it/2012/04/premio-almohada.html

    RispondiElimina
  5. @Helene
    Lo so che sembra impossibile, ma non ti preoccupare degli esami, sarà più difficile anche solo la prima verifica al liceo degli esami xD

    @Yvaine
    Grazie!! Arrivo subito ^^

    @Mirial
    Arrivo anche da te xD due sorelle ** sono emozionata!

    RispondiElimina
  6. @Fenice
    Grazie ^^ io penso che le idee nei giovani debbano esserci anche di più che negli adulti, perché in fondo il futuro siamo noi e non so se dire per fortuna o purtroppo... :)

    RispondiElimina
  7. Innanzitutto nessuno obbliga nessuno a seguirlo, mi riferisco alla chiesa che non ha mai obbligato la gente. E se parlo dell'essere cristiani-cattolici parto dal presupposto che come fondamenta la nostra religione di Stato, ci dona la libertà di credere o no.In molti paesi la religione s'impone alla gente. Siam fortunati per questo... I miti, beh ce li creiamo noi... d'altronde chi sente di avere un mito è per scelta propria. Ragazzine in giro hanno miti quale Emma Marrone, Alessandra Amoroso, io preferisco Dio a questo punto.
    Cittadini perfetti non c'è nessuno, ma le regole sono fondamentali per vivere civilmente, così come anche i nostri i diritti all'interno della Costituzione.... ed essere liberi, beh anche questo e molto relativo, io personalmente mi sento libera e guardando indietro sono molto fortunata. Sono libera di scegliere la mia professione(i nostri padri erano costretti a svolgere il lavoro di famiglia), libera di avere un mio culto o di non credere (in molti Paesi non è possibile), libera di sognare (un tempo si era bruciati al rogo) e si potrebbe continuare all'infinito :)

    Ad ogni modo, bella riflessione ;) ;)
    Sally

    RispondiElimina
  8. Ognuno ha la sua opinione, sono felice di aver sentito la tua ^^

    RispondiElimina
  9. Ciao Anto, passo per lasciarti un caro saluto!
    Felice serata!
    baci
    Ciao Luci@

    RispondiElimina
  10. Ho condiviso questa stessa foto su FB due settimane fa, facendo all'incirca le tue stesse riflessioni, e mi sono accorta che "non tutti hanno capito che il testo è contro la sottomissione degli uomini e l'importanza di essere davvero liberi."
    Infatti, un "amico" - che dopo la mia risposta ha cancellato il suo account per togliersi dall'imbarazzo di eliminare l'amicizia - non solo ha pubblicato l'immagine scrivendo che chi non (fa la "pecora") si realizza secondo questi canoni è un "fallito", ma ha avuto la finezza di condividere la foto dal mio profilo.... a riprova che no... non tutti hanno la apertura mentale e l'intelligenza di capire di cosa tratta veramente questa immagine.

    Felice è l'uomo che può dirsi davvero libero..!

    RispondiElimina
  11. @Luci@
    Grazie ^^ ricambio :)

    @Scarlett
    Bisogna avere un minimo d'intelligenza per capire l'immagine e il tuo "amico" ne è la prova credo xD beh, però, nel mio blog, come in quello di tutti noi, ci sono persone acute, però, hai ragione non tutti capiscono l'importanza di non realizzarsi secondo determinate regole, ma di seguire sé stessi :)

    Che ti devo dire, il mondo è bello perché è vario ^^
    Ciao e grazie per il commento :)

    RispondiElimina
  12. concordo!il mondo è bello perchè vario lo dico spesso anche io... non è un modo di dire, per me è una bella (e sana) filosofia di vita! ;-)

    RispondiElimina

Amo i commenti perché mi fanno sentire ascoltata e mi aiutano a continuare questa mia piccola impresa ;)