Divertimento =========>>>> Gioco ^^

Buon primo maggio! Oggi, in teoria, dovrebbe essere la festa dei lavoratori anche se io la vedo più che altro come la festa dei disoccupati. Che tristezza, povera la nostra Italia. Comunque io questo giorno lo vedo come il giorno prima di tornare a scuola (anche se oggi pomeriggio vado a fare un pic nic, qui il cielo è splendido ^^), il giorno in cui ci si dimentica il 7 in fisica e ci si concentra sulle altre materie, a parte che i compiti li ho quasi tutti finiti e ho già studiato tutto. Benissimo, però, domani si torna a rivedere le facce rinsecchite delle mie professoresse e le loro sfuriate isteriche senza motivo *sospiro*.
Ma ancora non pensiamoci, c'è altro da dire, c'è altro da fare. Per esempio, ho cambiato il titolo del blog, era troppo complicato, ora è semplice e si scrive in modo normalissimo. Ho fatto indubbiamente bene, così le persone diranno: "sono andato su un cielo di pensieri" e non "sono andato su ƒ™√€∫˜ ®ªƒ˜ºƒ æ∞∫‘øº" xD.
Passiamo oltre... L'argomento di oggi sono i... Videogiochi!! Non so perché l'ho detto, ma non mi veniva in mente altro, così viva i videogame!
Chi ci gioca di voi? Io ho scoperto che i maschi, quando si tratta di playstation, Xbox e robe varie, diventano dei marmocchi incontrollabili. L'ho scoperto andando a casa di un mio amico e vedendo sbrilluccicare lì a fianco una PS3 molto carina con due joystick senza fili (O_O da quando sono senza fili? Io ero rimasta alla PS1) gli ho chiesto di giocarci. Allora, abbandonando i due nostri gelati al cioccolato super caserecci, abbiamo messo un gioco di macchine e abbiamo cominciato a giocare. Facevo schifo. Poi  dopo una corsa persa gli ho chiesto la rivincita.Fu così che mi ritrovai in piedi sul divano a giocare urlando con il mio amico. Entrò sua madre preoccupata e ci risedemmo all'istante giocando come angioletti. Se ne andò sospettosa e risaltammo su. Non mi divertivo così tanto da tempo. Mi sembrava di essere tornata bambina.

Il gioco per un bambino è fondamentale per la crescita, peccato che da adulti si smetta di giocare e si creda di fare sul serio. Giocare è crescere, pratica sempre utile all'uomo.
Stephen Littleword



Dopo quel giorno ho chiesto ai miei amici a scuola se anche loro giocassero in quel modo, sono rimasta scioccata. Giocavano alla play o simili quasi quanto io leggevo, guardavo un film e facevo i compiti. Uno addirittura ci giocava fino all'una. Io quando dico la parola gioco, non intendo solo tecnologia. Da piccolina io giocavo a nascondino, mi arrampicavo sugli alberi e facevo degli scherzi... ora guardo i miei cugini e li trovo a casa con la Wii, niente pattini, niente pallone in giardino, niente provare a fare ruote, verticali e spaccate. Non è passato poi così tanto tempo, 5 anni fa io andavo alle elementari e cucinavo gli "spinaci" con l'erba tagliata del prato e le cipolline che sradicavo. A dieci anni io non sapevo cos'era la droga, il sesso, l'alcol, i fidanzati ufficiali, pensavo a divertirmi e credevo che fare l'amore fosse dare un bacio sulla guancia ad un compagno.
Vedere bambini di 8 anni intenti con l'Ipod mi rattrista, non sanno che divertimenti la natura gli offre e loro si perdono.

Arrivo sempre a fare riflessioni importanti partendo da un niente, che gran chiacchierona che sono! Anche voi la pensate così??

Commenti

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Mani fredde, cuore caldo

Il mio libro non uscirà