Premio Abyssi e riflessioni!

Oggi mischio un po' di tutto in questo post. Tra premi e riflessioni personali e libri non so più dove sbattere la testa. E' difficile cominciare un post felicissima per avere ricevuto dei premi dalle dolci: Sheryl e Elisa e continuare con delle riflessioni che ben poco hanno di felice, o meglio, di spensierato. Ma suvvia, via alla felicità! Sheryl di "Vola Solo Chi Osa Farlo" ha creato il premio Abyssi

Le regole stanno nel dedicare una frase o un'immagine alla persona che ti ha dato il premio. 
Beh, a Sheryl dedico un'immagine: 

 

Perché Sheryl ama la musica ed è fresca, colorata e questa immagine mi sembra perfetta :) 

Ad Elisa di "Lacrime Di Carta E Inchiostro" dedico una frase, perché lei è molto più da... frasi xD 

I tormenti della bontà che non può sfogarsi, sono forse peggiori di quelli della malvagità sfogata. 
Carlo Dossi. 

Ora devo passare il premio a 8 blog!

1) You Stole My Heart (Linalee)  
2) Le lacrime son parole mute (Luna)
3) Ovunque tu vada (Helene
4) Elfa Vagabonda (Ettelen
5) I pensieri di Sally (Sally
6) Il pozzo dei sussurri (Yvaine
7) Il giardino delle rose (Stefi
8) Il calesse (Luci@ ^^) 

Ed ora le mie riflessioni, spero solo di non annoiarvi. 
L'orgoglio e la modestia: si tende a vederli come opposti e lo sono, ma io ho una teoria. Io sono molto orgogliosa, non mi piace, è uno dei motivi per cui sbaglio, ma è anche un pregio. 
L'orgoglio è un'arma a doppio taglio, come quando leggete un romanzo e il/la protagonista è possessore di poteri magici e questi si riversano contro di lui/lei, ma poi lo/la aiutano. 
Bene, l'orgoglio è come la magia, bisogna saperlo controllare, essere abbastanza moderati per capire quando è eccessivo, quando sei tu nel torto. Io non lo sono. Spesso tendo a essere una gran testa dura, la classica ragazza che vuole sempre aver ragione, quella che parla troppo e poi se ne pente, ma che andrebbe avanti a sostenere la sua teoria (pur sapendo che è sbagliata) finché gli altri non si arrendono. 
L'orgoglioso vede tutti gli altri come troppo deboli e poi capisce che è lui che è il debole, lui che non sa tenere a freno sé stesso. Ma ha anche un punto a proprio favore, per esempio: quando voglio qualcosa non mi fermo e la ottengo, non smetto di lottare fino all'ultimo secondo, non mi arrendo mai e questo è molto importante. 

 

Il modesto è più o meno la stessa cosa, si sottovaluta e lascia passare ogni cosa, magari all'inizio ciò gli fa comodo, ma dopo un po' capisce che nessuno lo rispetta per quello che è. Solo che lui non sa fregarsene degli altri e andare avanti. 
Quello che vi ho detto fino ad adesso vi farà pensare che orgoglioso e modesto, forte e debole, cattivo e buono, siano opposti... ma non è così. Quando l'orgoglioso eccede nella sua "forza" e il modesto nella sua "bontà" si arriva ad un unico vertice che è completamente uguale. Stalin era il buono, comunista a favore del popolo, Hitler era il cattivo, nazista a favore di lui stesso: sia l'uno che l'altro hanno portato avanti una dittatura e i risultati sono stati identici: morte, distruzione, povertà!
Ogni cosa va bene, a meno che non si abbondi con essa. Anche la religione va bene, purché non si diventi bigotti, l'ateismo va bene, purché non si diventi satanici. Capite, la moderazione è il segreto della felicità. 
Questo bel discorso per cosa? Gli uomini non sono moderati, non lo saranno mai, andranno sempre da una parte o dall'altra e quindi? Non vi aggregate al gruppo, siate voi stessi e vivete nelle vostre eccedenze, è l'unica amara verità! 

Grazie se mi avete ascoltata :) 

Commenti

  1. Molto vero quello che dici. La virtù sta nel mezzo. E la consapevolezza ci aiuta a trovare il giusto equilibrio.

    RispondiElimina
  2. grazie per la bellissima frase! ^^ e per la tua riflessione... sono perfettamente d'accordo, purtroppo è così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, mi è sembrata adatta a te :)

      Elimina
  3. Essere testarda è una grande bella cosa perchè comunque vuol dire che sai quello che vuoi e che fai di tutto per ottenerlo, certo è anche importante capire quando stai sbagliando e quindi essere umile e fare un passo indietro! Le vie di mezzo sono sempre quelle più difficli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero! Le vie di mezzo sono difficili, sbagliare, invece, è così facile! =D

      Elimina
  4. sono d'accordo con te: l'orgoglio è una brutta bestia ma mi ha salvata in tante situazioni da cui non sapevo proprio uscire... l'importante, in tutte le cose, è non eccedere.

    buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha salvato anche me, per questo dico che è un'arma a doppio taglio, aiuta quanto distrugge ^^

      Elimina
  5. Grazie mille del premio ^^ sei sempre genitilissima..
    Eh già l'importante è sapersi moderare e non eccedere troppo..
    Una piccola osservazione, dall'ateismo non ci si può diventare satanici, sono due cose distinte e separate così lontane che non vi è nemmeno un punto di contatto :)*

    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente l'ho detto perché so che molti atei arrivano a detestare i credenti e, di conseguenza, quello in cui credono, così possono cadere nel satanismo.

      Elimina
  6. felice inizio settimana a te...ciao

    RispondiElimina
  7. L'immagine è bellissima!!! :) ti ringrazio tanto...e...riguardo alla riflessione...eh si,purtroppo è così...hai ragione--- D=

    RispondiElimina
  8. grazie per il premio =)
    un elfico e dolce saluto =)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Mani fredde, cuore caldo

Il mio libro non uscirà