11 settembre...

Per chi di voi se ne fosse dimenticato, lo scrivo io.
Oggi è l'anniversario della caduta delle due torri gemelle. Un anniversario tremendo e pieno d'angoscia.
Avevo cinque anni quando è accaduto. L'anno dopo ho fatto la prima elementare e mi ricordo bene quel giorno. Ci hanno spiegato in modo semplice cos'era successo e ci hanno fatto fare un minuto di silenzio per i caduti.
Ricordo anche che ci avevano dato un compito: disegnate le due torri e scrivete cosa ne pensate.
Non ho più il mio compito, ma ricordo vividamente quel foglio. Era a quadretti, vi avevo disegnato due torri storte con le luci gialle. E sotto avevo scritto: credo che i grandi dovrebbero imparare dai bambini, io non uccido mai nessuno.


Solo dopo ho capito chi erano gli attentatori e perché avevano abbattuto le torri. Dal giorno in cui l'ho compreso in avanti, ho visto la religione come qualcosa di barbaro e incivile, come puro fanatismo, che porta solo alla morte. 

Commenti

  1. Non credere che la religione sia davvero il problema di fondo. Della religione non frega nulla nè ai cristiani nè tanto meno ai musulmani.
    Certo, probabilmente si è trattata di una vendetta che durante la guerra fredda aveva assunto anche delle sfumature religiose, certo il tutto risale ad "Israele e Palestina", ma in fondo , lo sappiamo tutti, quelle persone sono morte a causa della sete di potere dei capi di governo Americano e Arabi.

    Ne vale davvero la pena azzannarsi così per il potere? L'uomo lo fa ininterrottamente dal tempo dei Sumeri, e forse anche da prima ...
    i veri animali siamo noi.

    RispondiElimina
  2. hai ragione cara, quando la religione sconfina nel fanatismo e porta ad uccidere i propri "fratelli" uomini nel nome di Dio, allora non c'è proprio nulla da dire se non che noi che abbracciamo la NON VIOLENZA e l'AMORE non siamo appartenenti a nessuna religione o dogma!

    un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Mani fredde, cuore caldo

Il mio libro non uscirà