Questo è un post sfigato

Non vedo l'ora di Capodanno. Di perdermi in quella frenetica festa. Sperando di perdermi nelle distrazioni e nei racconti degli altri. Come faccio sempre. Voglio aiutare qualcun altro perché pensare a me stessa nel profondo non mi aiuta.
Mi aiuta che gli altri mi parlino e si affidino a me, perché so, per esperienza, che se c'è davvero qualcosa che non va, non me la dirà nessuno e se la terrà per sé. Fingerà di ridere e divertirsi, di star bene e ci ritroveremo in due così e staremo momentaneamente a posto.
E sono talmente indecisa di quello che farò quella sera. Spero d'incontrare il mio migliore amico e passare una buona serata lontana dal caos della discoteca o delle feste, ma se così non fosse, troverò un altro posto.
La verità vera è che non ho mai potuto andare in giro a Capodanno (la sera prima, intendo) ed ho un po' di timore, non che cambi qualcosa dalle altre sere, però, c'è un'atmosfera diversa. E la cosa più assurda tra tutte è che ora che i miei genitori mi hanno dato un permesso che ho chiesto per anni, non ne sono poi così entusiasta. Quasi speravo che all'ennesima richiesta, loro mi rispondessero di "no", così avrei potuto dare la colpa a qualcuno. Sì, è cattivo da dire, ma tanto non posso farlo e quindi non ha valore.

Parlando di valore, oggi mia madre mi ha torturata chiedendomi quali sono i valori per me. Come vorrei passare la vita, detto nel suo gergo.
Spesso mi dispiace per lei, ho paura di deluderla. Ho paura di sbagliare e non voglio che lei si chieda cos'ha fatto per meritarsi questo. Le voglio bene. Eppure non posso evitare di deluderla, perché le persone a cui vuoi bene ti deluderanno. Senza Eccezioni.
Comunque, tornando a prima, sapete cosa le ho risposto?
–Io te lo dico. Ma non ti aspettare granché. Decidi, vuoi la verità vera?–
Lei mi ha ignorata, dicendo di parlare e così ho fatto.
–Non m'interessa la famiglia. In alcun modo. Voglio bene a voi, ma non ho voglia di crearmi una famiglia quando me ne sarò andata da questa casa.
A me interessa la carriera. Il lavoro che voglio è la mia più grande aspirazione. Non voglio essere la donna perfetta: non so cucinare, né stirare. Non andrò in Chiesa, nemmeno a Natale e viaggerò tanto, o almeno lo spero–

Sono piuttosto scazzata in questa foto, ma riprende bene come sto oggi u.u

–Vuoi viaggiare? E con chi?–
–Anche da sola–
–E dove vuoi andare?–
–Ovunque– ho detto alzando le spalle.
–Sei disorganizzata. Ma non potrei desiderare altra figlia, sei sicura e determinata e io ti amo tanto–
A questo punto ci siamo abbracciate e io ho detto: –Aspetta, anche se amo i teschi sulle magliette?–
–Devo accettarlo– ha risposto.

20 commenti:

  1. Mia mamma è disperata, e credo di averla offesa profondamente durante il nostro ultimo litigio. La cosa più brutta è che a me dispiace di aver detto ci che ho detto, solo che non è per una questione di offesa, perché anche lei mi ha offeso, ma perché io non vorrei che mia mamma sapesse tutte queste cose di me. Quando provo a parlarle di me come faccio nei miei post, o si sconvolge o mi ignora. Vorrei che la mia bocca sapesse chiudersi ermeticamente in totale autonomia, e vorrei avere autocontrollo.
    Solo che nessuno crede in me, in questa famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh santo polpo come mi ritrovo nelle tue parole ç____ç

      Elimina
    2. Qui ormai se non rispondo io, lo fanno gli altri xD e adoro questa cosa. E' come se il mio blog fosse una piazza in cui tutti parlano tra loro *--*
      Tornando a Jo, o polpo (come preferisci lol), dovresti provare ancora a parlare con tua madre. Provare a dirle che ti deve ascoltare, almeno per una volta, secondo me, se le parlerai in un modo deciso, ma anche un po' soft (bada bene!), allora lei capirà. Perché? Perché è una mamma e tu sei sua figlia ed è fiera di te, anche se non lo dà molto a vedere. Tutte le mamme sono fiere di noi, se siamo sicuri della nostra strada ;)

      Elimina
  2. Credo che l'ultima volta ce ho abbracciato mia madre risalga a quanto avevo cinque anni o forse sei. xD Sono proprio un'insensibile D:
    Bhè se la cosa ti può consolare anche a me interessa molto la carriera e poco la famiglia. Insomma, non è che non mi interessi ma è difficile pensare a una famiglia quando non riesco neanche a vedermi con qualcuno accanto.
    E poi, ne parlavo appena ieri con un amico, quando penso al mio futuro penso alla carriera, alle mie settecento lauree, ai miei settecentocinquanta impieghi. Io penso futuro e mi vedo a lavorare come ingegnere e a studiare per la seconda laurea in storia. Io, da sola. Non c'è un marito e non ci sono figli. Forse tra qualche anno cambierò idea, sono convinta che mi farò una famiglia, ma l'ho sempre considerata come una cosa scontata. Tipo diventare adulta, cioè quasi come una cosa naturale. Però al momento tutti i miei sogni sono puntati sulla carriera. Okay direi che è un'altra cosa che abbiamo in comune. Mi sto preoccupando pure io. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ritrovo molto nella tua visualizzazione del futuro ù_ù
      Non voglio una famiglia standard. La mia vita sarà finalizzata anche all'abbattimento di tutti questi schemi affettivi che dobbiamo seguire.
      Siiii ragazze in carriera °°

      Elimina
    2. @Alic *---* Alic!!! Basta, ti adoro eheh, comunque, per la famiglia, la verità è che nemmeno io so se un giorno me la farò, questo non lo posso sapere, chissà come andrà. So solo che non la vorrei. Vorrei una persona accanto a me, ma non una famiglia, forse più per abbattere gli schemi come dice Jo (a proposito, adoro anche te, polpo *----*!) o forse no, non lo so... dovrei cercare di capire meglio perché io non la desideri, in effetti...

      Elimina
  3. Ciao Anto :)
    Beh, innanzitutto ti dico che è probabile che la tua visione, perlomeno parziale, della vita ... potrebbe cambiare. Perché è giusto così, è giusto cambiare e avere nuove idee in base alle esperienze.
    Magari diventerai una brava cuoca, chi lo sa.

    Per il resto, già solo il fatto che hai qualche valore è tanto :)

    Un abbraccio,

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io sono una brava cuoca, solo che non so cucinare xD credo però di non averne semplicemente voglia. O meglio, di non avere voglia di essere la donna che la società vuole :)

      Elimina
    2. Beh, non è certo un male... a volte essere fuori dagli schemi imposti è ciò che funziona di più :)
      Basta saper cucinare almeno per se stess (metaforicamente parlando^^)

      Buon 2013!!

      Moz-

      Elimina
  4. Sai ... mia madre è una donna davvero buona, credo la più buona che io abbia mai conosciuto, certo buoni quanto mio padre ne esistono davvero pochi di esemplari ... ma lì sia nell'ambito dei record mondiali xD
    La cosa che ammiro di più di mia madre è che non è fessa : conosce i suoi limiti e non si vergogna di ammetterli ma è anche tremendamente forte ( psicologicamente e caratterialmente ) e un giorno vorrei essere "pratica" almeno un terzo di come è lei, ma io non sono pratica per niente io sono "pragmatica" invece xD
    Io sto lì a pensare, ripensare e formulare teorie strane sulla vita, sono introspettiva e preoccupantemente di idee immorali e poi ... voglio fare l'eremita . Ecco mia madre è convinta che io sia strana, lei è una persona concreta tanto quanto basta per concepire qualunque tipo di pensiero io esponga ( che sia sull'ambiente, sugli animali, sull'eremitismo o sulla religione ) come " strano" .
    Quindi non mi capisce , mi compatisce e nella sua pietà per me soffre >.<
    Se solo mia madre riuscisse a chiedermi cosa voglio dalla vita e darmi il suo consenso io ... be' credo che avrei la madre migliore del mondo, ma anche così va bene . Di filosofa basto e avanzo io xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo accade anche con mio padre, perché io non sono molto razionale, tranne che in alcuni casi, nei quali lo sono anche troppo, e quindi lui mi compatisce un po'. Non so se loro potranno mai capire, però, forse è meglio che non capiscano, lo vedi tu un mondo di filosofi o di strampalati sognatori senza persone con i piedi per terra? :)

      Elimina
  5. Ciao fanciullina, leggo con un sorriso le tue parole e in un certo senso provo anche ad immaginare i pensieri di tua madre... il mio augurio per questo 2013 è quello di goderti il tuo tempo, il tuo presente...e la vita in qualche modo ti indihcerà a strada..
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so, anch'io li immagino xD Buon 2013 Blumoon e che tutti i tuoi sogni si avverino :)
      PS. ho sbagliato... "e che il 99% dei tuoi sogni si avverino, così avrai sempre l'1% da sognare" :)

      Elimina
  6. Ti auguro un 2013 che inizi bene, prosegua come desideri e che termini con grandi soddisfazioni.
    Ti auguro di camminare su una strada chiamata vita, di inciampare in una pozza chiamata fortuna, di cadere in un abisso chiamato felicità.
    Ti auguro un amore sincero accanto a te che sappia comprenderti e guardarti nel cuore con amore
    per ciò che sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che begli auguri! :) Davvero Gian, grazie tante, anche a te, un buonissimo 2013! :D

      Elimina
  7. ...Auguri di buon anno Antoooo! <3 (Giuro che è l'ultimo commento che faccio xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come se mi dispiacesse xD Auguriiii Jooooooooooooooooooooo *---* <3

      Elimina
  8. Tantissimi auguri,che sia un anno speciale per te!
    Buon 2013!:)
    Baci
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandi Auguroni per questo nuovo anno! C:

      Elimina

Amo i commenti perché mi fanno sentire ascoltata e mi aiutano a continuare questa mia piccola impresa ;)