Green

La lettura di green, con mio sommo rammarico è conclusa, così finì la serie dei colori, anche se  ilviola, giallo, bianco ecc... poteva inserirli la nostra amata Gier...
Ed ecco, la serie si struttura in tre libri: red, blue e green:
RED
 
BLUE 
GREEN
 

La quarta di copertina di Green: 
"per mia natura non ero incline all'autocommiserazione, era la prima volta che soffrivo per pene d'amore. 
Pene d'amore di quelle serie, intendo. Quelle che fanno proprio male. Al loro confronto tutto il resto diventa insignificante. Persino la sopravvivenza è secondaria. Sul serio: il pensiero della morte in quel momento non era tanto spiacevole. In fondo non sarei stata la prima a morire di crepacuore, mi trovavo anzi in ottima compagnia: la Sirenetta, Pocahontas, Giulietta, la Signora delle Camelie, Madama Butterfly, e adesso io, Gwendolyn Shpepherd." 

Commento personale: 
La verità è che è perfetto. Un libro, anzi tre, perfetti. Non gli do 5 stelle unicamente perché le ho date a Queste Oscure Materie e, mi dispiace, ma non regge il confronto, quindi 4 stelle e mezzo... 
Xemerius, mi mancherai!

Frasi belle: 
"il tuo cuore non è di vetro!" 
"Pietra, non vetro, il mio cuore è una pietra preziosa che lui ha frantumato in mille schegge"
"certo, detto così suona figo, invece no!" 

Occhi come quelli avrebbero dovuto essere vietati. Oppure bisognava promulgare una legge in base alla quale i ragazzi con occhi così belli potevano circolare solo con gli occhiali da sole.

Quello stupido cuore di marzapane che avevo nel petto non sapeva se contrarsi per l'imbarazzo oppure battere più forte per la gioia. 

"Restiamo amici" Era veramente il colmo. 
"Sono sicura che da qualche parte nel mondo, ogni volta che questa frase viene pronunciata, muore una fata"

Il caso è l'unico legittimo padrone dell'universo. 

"Se siamo fortunati, forse krav maga è solo qualcosa di innocuo" disse Xemerius "come il kamasutra!Ahaha" 

I suoi occhi sorridevano e, per qualche motivo, tornai a sentire un groppo in gola. 

Io non ero disordinata, ma per qualche motivo le mie cose avevano la tendenza a distribuirsi a macchia d'olio sul pavimento. 

E poi tante altre frasi che non sto qui a scriver tutte, leggetele voi ;D Comunque è già stata un'impresa riuscire a copiare queste tanto è scribacchiato questo libro! xD  


...Caffè zuccherato...

Eccomi qui, dopo un caffè super zuccherato e tre ore di tema in classe... C'erano tre tracce: 2 sui promessi sposi, ma nemmeno a pensarci, una sulla musica, che poteva effettivamente essere interessante e una sull'amicizia, quella che ho scelto.
Chi a scuola non ha mai fatto un tema sull'amicizia?? Nessuno e io non sono da meno, ne ho fatti almeno 4, solo che questo era completamente diverso dagli altri... Perché lo dico? Mi è venuta in mente una frase che può fare anche schifo, ma, secondo me, riassume tantissimo il significato di amicizia:
dai l'anima e un vero amico ti ripagherà rendendotela (l'amicizia è così, quella vera almeno) e ecco mi sembrava carina, ma potete dirmelo se fa schifo... così non la scriverò nel prossimo tema xD



E poi, due giorni fa circa, avevo scritto una bella frase:


Io sono una bimba felice, talmente bimba da essere felice, talmente felice da essere bimba. Perché la felicità è un dono prezioso che tutti possiamo avere quando ci va.
È come se la felicità fosse sotto forma di gocce di rugiada sui fiori, e queste possono cadere, ma poi ne verranno altre. Se quelle gocce sono illuminate da un arcobaleno chiamato amore o un altro chiamato amicizia, la felicità raddoppierà e così anche la bellezza del fiore. 



Beh, rileggendola non è che mi piaccia più di tanto, ma meglio di niente :) 

Mate 273784398497393?

Tre ore di mate sono davvero troppe! Ma devo ammettere che questa giornata è stata e continua ad essere divertente. E' iniziata alle 8, già perché per un miracolo dovevamo essere a scuola alle nove, perciò: mi sono preparata con tutta la calma possibile, ho fatto una VERA colazione (una fetta di torta, un'aranciata e un caffè) e sono arrivata a scuola rilassata. Ma da quando? Rilassata a scuola? Eppure è stato proprio così. Volevo rivedere i miei amici e scherzarci un po'.
Che pazza la nostra classe, pazza e simpatica. Sono i due aggettivi che caratterizzano l'intera classe e tutti i suoi componenti xD.



Sono passate due ore di matematica carine dai, esercizi a più non posso e il sole che mi abbrustoliva la pelle. Si perché le finestre non si aprono, le hanno bloccate per nemmeno-il-vicepreside-padre-del-nostro-compagno-di-classe-sa-il-motivo e si potevano aprire solo da sopra. L'unico problemino è che si sono scardinate (-.-") quindi sembra di stare in una sauna. A maggio faremo lezione in mutande.
Poi i secchioni se ne sono andati (5 persone) e tutto il resto della classe è rimasta un'ora a crogiolarsi teneramente al sole nel prato a collinetta della scuola... si, come no, siamo rimasti a lanciarci un bottiglietta d'acqua e a fare un casino che l'hanno sentito pure in Norvegia.
Ed infine si è svolta l'ultima lezione di mate, nella quale, fregata dalla prof che mi vuole molto bene (bugia o, se preferite, sarcasmo), sono uscita alla lavagna per eseguire degli impossibili sistemi di disequazioni con moduli, radicali e monomi, binomi, trinomi ecc...
Alla fine non ci capivo più niente, tutti quei numeri mi si attorcigliavano in testa e, quando dovevo fare la tabella finale (c'è pure una tabella), le righe alla lavagna mi venivano storte e i numeri li scrivevo sotto forma di geroglifici che neppure i più grandi storici-scpritori di antichità sarebbero riusciti a decifrare.
Ed ecco una giornata che implica tre ore di matematica. Poi va beh, siamo usciti dalla classe, e abbiamo fatto la strada per arrivare, chi alla macchina, chi all'autobus, insieme. Io continuavo a guardare... lui e basta.
Aveva ragione il mio migliore amico quando gli ho gridato:
"Mi è passata la cotta!!!" tutta emozionata e lui aveva risposto, un semplice, ironico:"Fidati.".
Passata... passato è il tempo in cui mi era passata. Quindi immaginate l'emozione, quando mi ha abbracciata e non si voleva più scollare o quando facevo finta di non vederlo mentre mi fissava in classe.
Ah l'amour, che....



100%!! O_O

Ok, devo assolutamente ringraziare Marten per questo:

 

Grazieeeeeeeeeeeeeeeee!! Felicità...!! Ehm allora una regola di questo premio è di spiegare come è nato il blog e perché... Iniziamo: 
E' stato questo inverno, era domenica, mi ricordo. Volevo moltissimo l'estate e mi ero messa una maglietta con le maniche corte. Ero andata con la bicicletta a comprare il latte (un freddo tremendo), nel frattempo avevo fatto anche un giro per fotografare tutto quello che mi piaceva di più e descriverlo sul mio taccuino tornata a casa. Rientrata avevo fatto una ricerca in internet su come eliminare i punti neri naturalmente (xD), mi era apparso il sito web di un blog e, chissà per quale motivo, avevo poi cliccato su blogger. Lì avevo scoperto che creare un blog era gratuito e poteva servire in futuro per aiutarmi con la mia carriera da scrittrice, all'inizio avevo pensato:"Che stupidaggine e poi nessuno mi seguirebbe". 
Lasciai perdere e navigai un po', com'erano belli tutti quei siti... Io con il computer non ci sapevo fare...
E invece si! Ri-cliccai "blogger" e creai questo blog. Non così com'è adesso. 
Ogni giorno che lo vedo crescere e trovo i vostri commenti e i nuovi membri ringrazio la mia sfacciataggine che mi fa provare qualsiasi cosa ^_^

E adesso, i blog che ho scelto! (purtroppo sono solo 4 perché mi parevano i migliori :D)

  • Il blog di capitan Daffo, sei stata uno dei primi blog che ho seguito e i tuoi post sono fortissimi! 
  • Camilla Giacomelli, quanto adoro i tuoi disegni al computer (scusa se non so come si chiamano, me lo scordo sempre xD) 
  • Il giardino delle rose, grazie per le tue splendide recensioni! 
  • Un mondo tutto mio, hai una grafica bellissima e ami anche molto i gattini :)

E come disse un giorno Tolstoy... O almeno la nostra prof d'italiano: Non imparerete mai, ma siete la classe più divertente che abbia mai avuto, buon giorno! 

Adios, prof! E Adios anche a tutti voi! 


Ma che bella dormita... yawn :O

Dopo l'ora legale e quindi la sveglia troneggiante e antipatica di stamattina una bella dormita ci voleva.
Sarà quel che sarà in fatto di risparmio, ma io quest'ora proprio non la reggo. Ho dormito tutta la mattina con l'unico risultato di un gran mal di testa e una giustificazione in latino mal usata.
Il mal di testa è stato, invero, debellato grazie ad una buona ora di sonno ristoratore e ora posso concentrarmi sull'uso della favella in questo piccolo magico post...
A dir la verità poco ho da esprimere, tranne che scienze è, senza ulteriori indugi, la materia più bella della terra e il mio (nostro) professore la spiega assai bene e con gesti continui che rendono il tutto non poco interessante...
Quindi, visto il mio buon umore di questo dì, proporrò a lor signore e signori un testo che scrissi in tempi di guerra u.u (quando fuori dalla finestra infuriava un temporale)




Il temporale infuria.
O mio cielo urla le mie emozioni.
Piangi le mie lacrime. 
Temporale sii la mia anima.
Fondiamoci in un tutt'uno. 

Io e il temporale siamo talmente simili, abbiamo entrambi la capacità di urlare in silenzio.
Quando i tuoni fracassano i suoni c'è come un rumoroso silenzio, vedi tutte le cose più lentamente e le capisci perché riesci ad osservarle meglio. Quando io sto in silenzio il mio cuore è in tempesta e si vedono i tuoni nei miei occhi. Io che urlo con il cuore, il cielo che urla con rumore.


Oggi mi ha parlato, mi ha parlato senza litigare, senza permalosità, abbiamo riso e scherzato. Ogni fibra del mio corpo era con lui, gli altri erano divisi da una barriera, solo io e lui all'interno del nostro magico bunker.
Il mio cuore urlava, come adesso fa ancora insieme al temporale, ai tuoni, ai fulmini e forse anche insieme a *****. 



Vorrei fare una precisazione: ***** non è una parolaccia, bensì il nome di colui che.... già, di colui che?? Va be', ***** è semplicemente il nome di colui che... non deve essere nominato!!



:)))))))))))

Felicitààààà!!! Che bello essere felici!!! Bello, bello, bello!! Non mi sto comportando da ragazza rispettosa.
Mi ricompongo! Sono felice perché gli ho parlato e non abbiamo litigato!
Andavamo d'accordo e anzi ridevamo e scherzavamo. E' stato come se non fosse successo niente. Né litigi, né cotte, né gesti cattivi.
Avevo ragione, basta un sorriso e tutto va meglio.
Bisogna saper trovare il buono in tutto e adesso so che posso essere sua amica. Non lo dimenticherò mai e forse è soprattutto colpa mia se non stiamo insieme, ma potremmo farci compagnia, come amici.
Mi basta quello... A questo punto scommetto che non ci avrete capito niente della storia, nemmeno io xD



La verità è che non era destino, ma essere amici si. So che ho detto che è uno stro... ecc... ma non è importante se sarò solo sua amica.
Che bello parlare e ridere spensierati, che bello non avere pensieri. Per quei pochi minuti non eravamo permalosi, ognuno incassava il sarcasmo dell'altro e si divertiva. Nessuno disturbava perché, devo ammetterlo, quando parlo con lui non esiste altra persona capace di attirare la mia attenzione.
Povera me ahah! Sono matta! Viva la primavera!!

Ehi, lo lasciate un commentino se passate ^_^?? Grazie comunque!! :)))

Avril Lavigne: Smile
 

Non c'è niente di più bello di un sorriso. Un sorriso scalda anima e cuore. Un sorriso non porterà mai una lacrima. (Me). 

Ogni persona sa sorridere, ogni persona muove gli stessi muscoli, ogni persona sa fare un sorriso: sincero, sprezzante, timido, dolce, sarcastico, furbo, cattivo... 
Ma se una persona non sa sorridere con l'anima la bocca apparirà come una smorfia distorta priva di fascino. (Me). 

Spero, un giorno, di avere tante rughe sul viso. (Me). 

:DDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD 

Mmm... Boh

Non sono libera perché sono Atea, sono Atea perché sono libera.
C'è una grande differenza tra questi due concetti, tanto grande che molti nemmeno la riescono a capire.
Quando lo dico le persone mi guardano come se fossi fuori di testa. Io lascio perdere, capisco che ci si debba pensare, però non si può dire che sia una frase senza senso...
Comunque le mie idee religiose, esattamente come ogni  mia idea di qualsiasi tipo, sono particolari. Più che altro ho dei pensieri fissi che non smuovo mai,ovvero: sono una gran testarda.
Se anche voi siete affetti da testardaggine capirete che cambiare i propri ideali è non dico difficile, bensì impossibile.
In effetti,arrivare a litigare con il tuo prof di religione per questo potrebbe essere esagerato... Invece no!
Esagerato? Ma dico, è messo lì apposta per parlare!
Certo, litigare e parlare non sono la stessa cosa...  E' possibile che debba per forza non stare mai zitta? Almeno se chiudessi questa boccaccia il comportamento a scuola avrebbe un voto alto. Figurarsi, non ho mai sentito bugia più grande di un buon voto in condotta per me. Come voti generali, invece, sto migliorando alla grande, un altro 8 in arte, studiando si vedono sempre i frutti del tuo ottimo lavoro, e chi l'avrebbe mai detto? xD
La politica del no ragazzi e si studio funziona, con le dovute precauzioni dall'eccesso di studio che non si devono mai tralasciare: niente crisi amorose, solo libri! (lo studio alcune volte implica anche fantasy, avventura ecc...)



Come ho scritto male oggi... non sono in vena.

Pazzia, Libertà :)

Esistono momenti della vita nella quale la tua mente si sgombra, le nubi si diradano e tutto è così chiaro, purtroppo l'amore altera questa sensazione. 
Alla fine dell'amore ritorni te stessa e senti la felicità scorrerti dentro, sei più sicura, il tuo orgoglio è al massimo come prima.Come prima. Già, e chi lo poteva ricordare il prima? Il passato, l'amore. E' come essersi risvegliati da una lunga apnea. 
Lo guardi, perché l'occhio scappa mentre vaga per la classe, e non provi niente, un sentimento di leggero odio al massimo, niente amore, solo rammarico. Tu che hai sprecato tutto quel tempo perché odiavi essere stata rifiutata la tua prima volta dopo la quarta elementare, ecco dove la stima per sé stessi pecca. Non dovrebbe mai abbondare tanto. 
Comunque lo sai che l'hai amato, oppure che è stato più di una semplice cotta, te ne accorgi da ciò che senti nel petto, manca qualcosa. Mancherà per sempre quel qualcosa. 



A questo pesante vuoto leggero (ossimoro u_u) farai caso solo dopo riflettendoci, in quell'istante provi liberazione, vedi i sole alto nel cielo, la piacevole temperatura primaverile, i tuoi amici accanto a te che scrivono canzoni hard rock e che cercano un nome per la loro band, loro che ti supplicano di andarli a vedere mentre suonano e tu che ridi e acconsenti, la sicurezza del tuo studio. La prof ti chiama, prendi otto e capisci che, anche te, puoi prendere voti alti. 
Niente più amore per un po'. Divertimento. Studio (D:). Amici. Libri. Concerti. Gelati. Passeggiate. Sole. Sono solo alcune delle tue parole chiave. 
Pazzia e Libertà sono priorità. Pazzia e Libertà. Sei Libera, sei pazza, sei tornata :D.

"L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci: soprattutto perché provi un senso di benessere, quando gli sei vicino" Charles Bukowski 

"Ci sono diversi tipi di libertà, e ci sono parecchi equivoci in proposito.
Il genere più importante di libertà è di essere ciò che si è davvero."
Jim Morrison 1968 







Spells.

Ho finito di leggere anche Spells (a dire il vero, l'ho finito 5 giorni fa...), è un libro di Aprlinne Pike ed è il seguito di Wings:



Wings. 
Quarta di copertina.
Laurel  fissava incantata quelle cose trasparenti che le spuntavano dalla schiena. Erano terribilmente belle, troppo belle per poterle descrivere a parole.

Si girò di nuovo verso lo specchio, gli occhi incollati a quei petali leggeri che fluttuavano dietro la sua testa.
Sembravano quasi… ali.

 

Spells 
Quarta di copertina.
L'estate è appena iniziata e la vita di Laurel non è più la stessa. Ora che sa di essere una fata non può certo ignorare le sue responsabilità nei confronti di Avalon. Ecco perché, quando viene convocata all'accademia delle fate, per un corso di magia, decide di partire subito. 
Ad Avalon Laurel potrà finalmente essere se stessa e imparare gli incantesimi che le permetteranno di difendere le porte del regno dai suoi terribili nemici. Ma tornare ad Avalon significa ben altro. Significa rimettere in discussione tutto e ferire la persona che più ama al mondo, il suo dolcissimo fidanzato umano, David. Perché lì rivedrà Tamani...

 

Giudizio personale. 
Insomma... poteva esserci di meglio, il libro è stuzzicante e goloso, ma non ha un succo vero e proprio. Forse perché è il libro di mezzo tra tre, ma la questione rimane. Non c'è un punto forte, di emozione, tutto scorre via senza pensieri, dall'inizio si capisce ciò che succederà e gli imprevisti non ci sono. 
L'ho trovato non poco banale devo dire. 
Di cattivissimo gusto ho trovato anche la frase riportata sul retro del libro: 
"Mescolando un pizzico di Harry Potter e una generosa dose di Twilight, Aprilinne Pike ha creato una ricetta vincente". Prima di tutto di Harry Potter questo libro non ha assolutamente niente, tantomeno di Twilight, anche se, come viene fatto sapere a grandi lettere su ogni libro, questa è una saga amata da STEPHENIE MEYER... e allora? Quanto l'hanno pagata per "amare" questa saga? 
Comunque... Un libro, inoltre, non deve essere scopiazzato da altri, è la cosa che più detesto, se devi copiare fai a meno di scrivere un libro. Meglio una storia scontata in cui ci metti del tuo, che una originale copiata. 

Non mi ha convinta per niente, 2 stelle (scarse).

Frasi più belle (in questo caso una e nemmeno tanto bella).  
"Sarebbe stato come giocare con un fiume in piena, un passo azzardato e la corrente ti porta via". 

E ora un aforisma sulla vita per addolcire un po' questo post, grazie Einstein: 

"Ci sono due modi di vivere una vita. Uno è pensare che niente un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo". 






Muse.

E' primavera! Sapete qual'è la prima cosa che ho fatto a scuola? Litigare con lui, litigare di brutto.
Non starò ad annoiarvi con i miei discorsi fuori di testa, vi dirò solo che,  ieri, grazie a Marten  ho scoperto i Muse (grazie!!).
Sono letteralmente andata fuori di testa per questa band, li avevo già ascoltati, ma ieri mi è scattato qualcosa dentro e ora non riesco più a smettere di ascoltare le loro canzoni.
Questa è la prima canzone in assoluto che ho ascoltato:



So che è la canzone più sentita di loro, ma è comunque splendida, mi dispiace solo che sia stata usata per twilight...


Piove piove...

Piove piove, la gatta non si muove, si accende la candela, si dice buona sera...
Che bello vedere piovere dopo mesi senza acqua (qui), la pioggia delicata è splendida. Adoro stendermi la sera e sentire il ticchettio delle gocce sul tetto. Quando tutto è silenzioso e nessuno è in strada scrivere è a dir poco magico. Ogni odore cambia, l'umidità è al massimo, c'è un profumo di muschio e tutto è più scuro.
Apprezzo la pioggia, come apprezzo il sole. Ma il mio modo di scrivere e di sentirmi muta completamente. Quante belle storie ho raccontato con la pioggia. Quante emozioni diverse.
Ricordo quando ero in gita con la scuola e nessuno aveva l'ombrello, ha cominciato a piovere a dirotto e noi correvamo e urlavamo come matti.



Ballare sotto la pioggia d'estate, le gocce calde e grandi che mi scorrevano sul viso ed io con la bocca aperta e la lingua fuori che provavo a prenderle.
Quando, all'asilo le mie compagnette non ne volevano sapere di uscire perché avevano paura dei tuoni ed io ero uscita in cortile con i maschietti a giocare a pallone divertendomi come mai prima d'allora.
Tempi spensierati. La pioggia porta i ricordi, belli e brutti, la pioggia porta vita, dopo un acquazzone c'è sempre un arcobaleno. Un raggio di sole ha sferzato le nubi e ora vedo una nuova vita sotto quel cielo plumbeo.


BUONA DOMENICA ^_^



Falsità umana...

Alcune persone sono seriamente superficiali. Ed io detesto la superficialità, l'apparire.
Non comprendo frasi come:"E' simpatica, ma non è bella quindi non mi piace", fortunatamente a me non è mai stato detto, però, immagino come ci può essere rimasta la diretta interessata.
Nessuno ha il diritto di far soffrire in tal modo una persona!
Purtroppo la gente che crede nell'esteriorità è molta e soprattutto non rappresenta essa stessa ciò che pretende dagli altri.
Oggi mi è capitato di sentire questa frase non proprio così, si parlava di una ragazza e questo ragazzo ha chiesto se era bella, la risposta è stata:"Non tanto, ma è simpaticissima", lui ha fatto un riso di scherno e ha detto:"Chi se ne frega".
Sono rimasta allibita da tanta cattiveria e dire che quel ragazzo non era certo un dio greco!
Alcuni fanno finta di esserlo e poi li vedi lì prostrati in avanti che piangono per amore, altri lo sono davvero ed è sconcertante il menefreghismo e la cattiveria di quest'ultimi.
Se loro si fossero trovati in quella situazione? Ma in fondo, ha fatto un favore a tutti dicendolo, così ci toglieremo dalla testa quel tipo e ci concentreremo su altri. Quella ragazza avrà la fortuna di essere amata davvero, mentre altre dovranno capirla da sole la falsità umana.

 


PS. La mia opera dell'ignorare continua, ma è difficile, un po' per me che vorrei parlarci e un po' per colpa sua che continua ad avvicinarsi. Scappare non mi è mai piaciuto.
Comunque ora concentriamoci sui libri che altrimenti mi bocciano xD.

Addio. Forse.

Bene, signori e signore mi sono arresa. Per la prima volta in vita mia.
Non voglio più pensare a lui. Naturalmente non è che l'innamoramento sia proprio passato, ma ho ben altre cose da fare anziché pensare a lui.
Prima di tutto mi devo impegnare nello studio per non essere bocciata. Oggi ho avuto la prova che non faccio abbastanza, nonostante abbia preso un 8 n italiano.
Quindi lui non deve più esistere... Mmm non dovrebbe più esistere.
Diciamo che lo eviterò cordialmente, anche se il mio cuore palpita  dieci, cento, mille volte più forte con lui a fianco.
Sono abbastanza fiera del mondo in cui l'ho ignorato.
Capivo che mi guardava perché giravo di tanto in tanto la testa, ma subito mi voltavo di scatto.
Quando si è avvicinato mi sono allontanata celermente. Solo l'ultima ora gli ho rivolto la parola... no, a dire il vero l'ho rivolta ad un altro amico e lui si è immischiato. A lui esplicitamente ho solo scosso la testa per dire che non sapevo una stupidata che mi aveva chiesto.
u.u Mi concentrerò sullo studio e sulla lettura e sulla scrittura e sugli amici. Sono ben cosciente che sarà difficile essendo entrambi nella stessa classe, ma ci riuscirò.

"Non ci può essere profonda delusione dove non c'è amore profondo" Martin Luther King.

Anche se so comunque che:
"Quando uno ha avuto una volta la fortuna di amare intensamente, passa la vita a cercare di nuovo quell'ardore e quella luce." A. Camus (L'estate).



Non si può guardare avanti se ci rendiamo conto di aver lasciato qualcosa indietro Non ci voglio credere.

PS. Potrei avere altri sbalzi d'umore e di opinione, non crediate che sia finita così... Si dice vi siano vite unite tra loro nel tempo, legate da un'unica chiamata che riecheggia nelle ore (Prince of Persia, le sabbie del tempo).

Decisione.

Oggi vi proporrò un esempio di quanto le persone possano essere crudeli, per non dire altro...

Per un miracolo salto l'interrogazione di storia (anche se avrei preso un bel voto) e quindi la prof chiama un altro: lui è un po' cicciotto e lo prendono in giro tutti, è anche antipatico... va beh...
Comunque, non aveva studiato e ha fatto un'interrogazione a dir poco penosa, io gli avrei dato quattro, mentre la prof lo grazia con un 5 e mezzo. Ma il ragazzo non è contento perciò simula una perfetta crisi di cuore e si mette a piangere. La scenata finisce dopo poco e inizia la supplica per il grande, magico 6.
Intanto piangeva e si comportava come un bambino, tremava e sussultava. Una scenata da maestri, in piena regola.
Tutta la classe rideva. A me faceva male lo stomaco dal ridere. Non è mai stato simpatico a nessuno e stava davvero esagerando. Alla fine non ha vinto la battaglia, l'epico 5 e mezzo perdura ancora scritto in modo indelebile, a penna nera, sul registro. Possiamo dedurre che si sia davvero messo in ridicolo, ma il punto è un altro.
Suonò la campanella e nessuno guardò neppure con la coda dell'occhio il "povero bambino", tutti si raggrupparono attorno al ragazzo di cui sono innamorata ( ovvero la più grande delusione della mia vita).
Morsa dalla curiosità mi accostai a quell'essere spregevole e guardai da oltre le sue spalle. Si girò con un sorriso orgoglioso, credendo di avermi colpita con il proprio gesto, invece, tutto ciò che provocò in me fu un vorticoso senso di vomito. Aveva ripreso con il cellulare la scenata di quel poveretto! E l'aveva fatta vedere a tutta la scuola!



Ma che razza di ragazzo è uno che fa questo? Volevo esprimere tutta la mia indignazione, mi trattenni perché di guai ne aveva già commessi abbastanza lui. Velocizzai il passo e stetti ad ascoltare la perfettina, ma intanto pensavo: 'Perché mi sono innamorata di lui? Che ho fatto di male?'.
Un gesto tale mi fa ribrezzo. Se anche gli piaccio (ed è così) non riesco neppure ad immaginare una storia d'amore con un tipo così cattivo. Certo, mi aveva sempre trattata in modo impeccabile, però, e se cambiasse? E se arrivasse a comportarsi da stronzo anche con me? Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Inoltre, detesto ciò che ha fatto, ho capito com'è, non posso pensare di stare insieme a uno che crede di essere "figo" non avendo alcuna forma di rispetto altrui.
Lui è uno stronzo. Gli stronzi hanno storie solo con le troie. Io troia non sono e non sarò mai. Quindi addio.



PS. Scusate per il linguaggio, ma a volte le parolacce servono, servono per marcare il carattere di una persona che non può essere definita con altri termini se non quelli dispregiativi.

Da me stessa...

P.S. (che in questo caso sta per pre scriptum):
Potrei provocare noia, se sarà così vi prego di farmelo presente.

Camminavo per tornare a casa. Non ho mai amato così tanto quei 3 chilometri da casa a scuola, amo farli perché mentre cammino penso, ma oggi era solo un pretesto per stare da sola e non vedere nessuno.
Perché con il vento le lacrime cadessero velocemente.
Borbottavo e avanzavo quasi correndo: voglia di correre, di sperare che il freddo fuori sia maggiore di quello nell'anima. Non importava se mi guardavano come una pazza, tutti parlano da soli! Non è da matti, è normalissimo!
Oggi ho provato la delusione e intorno a me niente era più colorato. Non è stato il ragazzo che sono sicura di amare, e fatemi il piacere di non dire che sono troppo giovane, esistono quelle persone molto sfigate che amano in tenera età, no, sono stata io. Io sono rimasta delusa da me stessa. Dopo avere scoperto quanto stronza e senza buoni sentimenti possa essere una persona come lui, ho continuato ad amarlo e ancora persevero nel mio errore.



Io sarò particolare, lui sarà un normale ragazzo di 15 anni, ma adesso mi ritrovo comunque intrisa di delusione. Annacquata da un sentimento che non augurerei a nessuno.
Sempre camminando guardai di fianco a me. Stavo passando da una scuola elementare. Tutti quei bambini felici, sorridenti, che giocavano in libertà mi fecero sorridere e, allo stesso tempo, un altro sentimento orrendo s'insinuò in me, invidia. Volevo anch'io essere pura come loro, volevo dire "ti amo" a un bambino e pensarlo con tutto il mio cuoricino. Volevo che un "ciao" significasse "ciao", niente di più, niente di meno.
Passando dove c'era la bacheca dei nomi dei morti in quel periodo vidi due vecchie che chiacchieravano e spettegolavano su quei nomi. Mi sentii invadere da un senso acuto di stizza e c'erano uomini che quelle due le avevano amate (!). Dissi, senza riuscire a trattenermi:"Vecchie oche pettegole!".
Il tono fu troppo alto, mi sentirono e le guardai con un'aria di sfida. Distolsi l'attenzione, provai a volare via, ma i miei mondi fatati erano stati sostituiti dal mondo reale. La realtà supera sempre la fantasia. Ed io che, a questa frase, non avevo mai creduto...



...Già...

Seduta al mio banco.
Nell'angolino, di fianco a me c'è il calorifero e l'ampia finestra.
E' aperta e mi appoggio al calorifero per avere quel lieve tepore. Ma dallo spiraglio dell'apertura il sole mi colpisce in pieno volto. Per prima cosa mi ritraggo per sfuggirgli, poi, però, lascio che mi colpisca con il suoi raggi caldi.
Osservo le particelle di polvere galleggiare nell'aria colorate come l'arcobaleno.
Mi crogiolo al sole e mi perdo in racconti, che esistono solo nella mia testa, di terre lontane.
La prof sta spiegando fisica, dovrei ascoltare. Dovevo andare al classico, penso. Invece no, se ci fossi andata non avrei conosciuto lui, il mio migliore amico, quell'odiosa perfettina, tanti amici strambi e quella classe speciale.
Il mio sguardo si posa nuovamente al cielo primaverile.




Sono una guerriera che combatte per i propri ideali, in una pianura piena di fiori, con 30° gradi e un cielo striato di nubi allungate dal vento io sono così. 
Un venticello leggero mi smuove i capelli. Le narici mi si impregnano del odore dei fiori, del odore che ha la primavera stessa quando arriva, dell'odore del lago, dell'odore di lui. 
Ogni persona ha un proprio odore, ho imparato a riconoscerlo da tempo. 
Ancora 3 ore, solo 3 e sarò a casa, a scrivere questo post, mangerò, berrò un caffè, studierò (per lo più pensando ad altro) e uscirò con amici... Tu mi mancherai, domani ti rivedrò. 
Il mio corpo lotta con la voglia di uscire e correre senza fermarmi, di arrampicarmi sugli alberi e divertirmi, tra poco lo farò... Tra poco ti rivedrò: nei miei sogni, nelle mie fantasie... 

-Il Mio Angelo Segreto-.

Ho finito -Il Mio Angelo Segreto- di Federica Bosco.
Diciamo che mi aspettavo meglio, dopo il primo libro -Innamorata di un angelo- che non mi aveva entusiasmata, ma mi era pressoché piaciuto mi aspettavo un crescendo. Non c'è stato. Se non nella parte finale e in alcuni punti del libro, quando la protagonista si trovava in Italia era in tutto e per tutto un dialogo infinito e non poco noioso.
Beh, non c'è molto da dire, 2 stelle e mezzo per il secondo libro. L'unico punto a favore è la favolosa abilità della scrittrice di creare sei finali unici e inaspettati, davvero inaspettati.

Il primo libro:
 

Il secondo libro: 

 

Le frasi che mi hanno colpita di più: 

"Mai sottovalutare la capacità di persuasione di una madre italiana in preda al panico". 

"Se non ricordi la ragione del tuo dolore, niente ti impedisce di tornare a vivere." 

"Il sarcasmo in un reparto psichiatrico era sempre mal interpretato". 

"Se non ci vogliamo bene, nessuno ci rispetterà". 

"Poi rividi noi due abbracciati sotto la neve che cadeva leggera, mentre impazzivo d'amore per lui senza avere il coraggio di dirglielo ancora". 

"La vita è una sola e il tempo non torna più indietro". 

"Perché alla fine non c'è nessuno che possa farsi carico dei nostri dolori e dei nostri problemi al nostro posto". 

"Siete delle vere italiane voi, così magnificamente drammatiche!". 

"Era la dura legge della danza classica: o sei perfetta o sei fuori!". 

"Mi guardai intorno, i palazzi, i bus rossi, il Tamigi, i taxi, adesso ne ero certa, avrei ricominciato da lì".

Scelte.


Come posso pensare che ieri ti sei divertito senza me? Che stupida sono stata.
Non permetterò più a quella di farmi questo... Perdonami amore mio. Dimmi che ti sono mancata, dimmi che in questo modo mi hai pensata di più. La mia assenza ti ha provocato qualcosa? Spero di si (che egoista sono.).
Voglio rivederti. Sto diventando patologica. Non sono riuscita a divertirmi con gli altri miei “amici”. Volevo te. Ti voglio adesso! Voglio essere tua... Mi vergogno di me stessa. Sono una vigliacca, dovrei provarci, dovrei dirti cosa provo. Qui dentro si è formata una voragine troppo grande per poter resistere.
Dico agli altri che la vita è una questione di scelte.
Non esiste il non devo.
Esiste il non voglio.
Se non ti dico niente è perché sono una vigliacca. Non lo voglio fare. So benissimo che è colpa mia. Siamo entrambi vigliacchi.
Entrambi non resistiamo più.
Lo sento. Quando mi sei vicino lo sento, il tuo amore.
Lo vedo come mi guardi. Noto quanto sei geloso di una persona che non ti appartiene neppure.
Sei diventato un vuoto troppo grande per un corpicino così minuto.
Siamo al limite della sopportazione. Non possiamo più stare lontani. Se non ci sono io arrivi tu e viceversa.
La mia anima è tua. 

Ognuno sa che combatte contro sé stesso e il perché non è sconosciuto: è unicamente una scelta.






E lo penso davvero... la vita è solo una scelta. 
Potete fare qualsiasi cosa se solo la volete :) 

Difficoltà

Nella vita di un'adolescente pochi giorni sono vuoti, che tu lo voglia o no. 
Ci sono giorni e giorni, ma nessuno è brutto o bello. 
Mi fa quasi paura come una persona che credevi "amica" o almeno "innocua" si vendicasse apertamente. 
L'apparenza inganna. 
Difficile è quando non puoi fare niente. Mai. Puoi sempre rimediare. Prevenire. 
Trovare la forza di farlo è un'impresa ardua. 
Occhio non vede, cuore non duole. Ma è impossibile non vedere. Gli occhi rimangono aperti e tu ti mordi l'interno del labbro per sembrare forte e non piangere. 
Il desiderio più grande? Reagire, reagire, reagire. Non scappare mai! Scappando non si ottiene nulla! 



E allora? Come posso non soffrire davanti ad una tale scena? Non puoi. Prendi la matita in una mano e stringi forte, ci imprimi tutta la tua rabbia e la tua sofferenza. Si spezza. Ritenti con l'evidenziatore e funziona: le nocche sbiancano, la mano ti fa male, ma riesci a distogliere l'attenzione da quella stramaledettissima ragazza che civetta in modo assurdo con lui. Lei è vicina e tu sei così lontana. 
Ecco, ora l'evidenziatore non è più una soluzione. 
Non piangere. Non piangere. Non piangere. 
Non fare sì che le tue emozioni ti comandino. Lei non aspetta altro. Devi cadere nella sua trappola. No. Mai. 
Mordi forte il labbro, senti il sapore ferroso del sangue e continui. Lei ti volta la schiena, meglio, se mi guardasse negli occhi non potrei che sputargli in faccia. 
Poi guardi lui, le sposti (non troppo delicatamente) la testa e lo guardi, facendo finta di ascoltare le parole di veleno provenienti dalla bocca di quella. 
E lui ti guarda, guarda solo te, se ci sei tu lui è diverso. Non aveva mai prestato attenzione a lei, guardava te, assorto, guardava te. 



Ora sì, vuoi piangere, come potevi essere stata così stupida da non accorgerti di lui? 
E perché lei si era trasformata in quel modo?
Restano sempre mille domande e zero risposte. 

L'apparenza inganna.

Gli altri si devono sempre intromettere nella nostra vita?
Perché a mio modesto parere potrebbero anche farne a meno...
Non è ingiusto se,felicissima contempli la tua mirabolante (si fa per dire) verifica di scienze in cui hai preso 6 (!!!!), e poi guardi il banco accanto e giri la testa a 360 gradi facendo finta che il voto della tua vicina sia un 6 rovesciato? Ma perché quando sei felice gli altri s'intromettono e distruggono il tuo buon umore?
Certo, è anche vero che a me di quella non importa un granché, quindi che lei prenda tutti 9 non è un grande problema.
Ma quando una persona ti provoca, ti provoca e non la smette più, fa la perfettina fastidiosa, non ti aiuta neppure di pochissimo quando hai bisogno di un favore scoppi!
Trascurabile potrebbe essere che esiste una differenza tra lo scoppio di un palloncino e lo scoppio di una bomba.
Ecco, io faccio esattamente l'effetto di una bomba, incondizionatamente investo ogni essere che mi si para davanti e vomito ogni parola che alberga nella mia testa. Come quando, la mattina, durante i titoli del telegiornale, i presentatori snocciolano una serie infinita di notizie che, loro, leggono nello schermo difronte, mentre io, trovo nella mia mente smisuratamente colta e piena, tranne durante le ore di matematica.



Quindi ho tartassato di parole impronunziabili quella perfettina, due poveri metallari innocui (in confronto a quello che dicevo sembravano due cani bastonati), un mio amico e un ragazzotto cicciottello che ha provato inutilmente a giustificare la sua continua presenza vicino a me.
Fu un successo vedere tutti i miei piani di sempre andare in fumo:

  1. rapporto con l'unica ragazza che conosco rovinato. 
  2. illusione di non avere più attacchi isterici.
  3. essere una normale adolescente. 
  4. preferire andare in discoteca invece di leggere un fantastico libro o giocare a freccette.
  5. non comportarmi più da bambina. 
  6. avere un buon rapporto con l'oratorio e con il Don (molto amico di questa ragazza) che adoro ... ahh, lo detesto.
  7. e molto altro troppo complesso per spiegarlo.

Quindi un'unica sfuriata delle mie mi ha assicurato tutto ciò e, inutile dirlo, ma lo faccio comunque, il ragazzo di cui sono "follemente innamorata" ha visto tutto, non che fosse all'oscuro del mio immancabile lato fanciullesco, no, però durante il mio raptus assassino, ho smesso di controllarlo e la perfettina gli si era già messa in parte.
Cercava di accostarsi a me, anch'io sbracciavo e sgomitavo come una forsennata. Niente. Troppa folla. Studenti del cavolo.

PS. Cos'ho imparato da tutta questa storia: essere normali adolescenti è noioso, ma essere me è eccessivo, vi consiglio di diventare una via di mezzo... ATTENZIONE alle PERFETTINE!!
PPS. Attenti anche a un'altra cosa, io sembro una ragazza normalissima, l'apparenza inganna ;D


Festa della donna.

La festa della donna! Non potrei non parlarne, è una giornata molto importante sia per gli uomini che per  le donne! 
L'8 marzo ricorda a tutti noi ciò che le donne hanno conquistato, socialmente, politicamente ed economicamente, ma soprattutto ricorda le violenze, i soprusi e tutto ciò che abbiamo dovuto subire in antichità. Che poi tanto antichità non è poiché le donne, in tutta Italia, sono state festeggiate solo nell'anno 1946, esattamente 66 anni. Molto pochi a mio parere constatando l'importanza delle donne al pari di quella degli uomini. 
Perché è stata scelta proprio la mimosa per onorarci?? All'inizio si pensava di usare la violetta come nostro simbolo, ma poi questa pianta vivace e molto più campagnola ha avuto la meglio. La mimosa evidenzia la nostra semplicità e la nostra bellezza, esteriore e interiore! 


Buona festa delle donne!!! Ricordiamo sempre a tutti quanto valiamo!!!  

Felicità.

Vorresti urlare al cielo la tua felicità quando la provi. Vorresti sbattere le braccia e volare in quell'azzurro magico, dentro quelle bianche magiche nuvole.
Cambio spesso umore, ma oggi sono felice, semplicemente per un gesto. Perché un gesto, anche piccolissimo, può cambiare la giornata di una persona.
E se ti accorgi che proprio lui trova la scusa più insignificante per parlarti prima di dare l'ultimo saluto l'orgoglio va a mille e il tuo cuore ride, come non ha fatto mai!
E la tua bocca si piega in un sorriso così grande da spaccare le montagne, nessuno non si può accorgere che sei felice!
Un raggio di sole t'illumina, il vento ti sfiora, il profumo dei fiori, il profumo della primavera... Riesci a sentire nella testa le onde, che in estate, nella tua terra d'origine, s'infrangono sugli scogli.



Quando provi felicità tutti ti amano e ti vogliono per passare del tempo con loro, è così, un burbero non lo vuole nessuno, ma un sorriso apre i cuori più duri.
Una ragazza o un ragazzo solare rende sorridenti anche tutti gli altri e un clima di pace avvolge tutti!
Nulla è più soddisfacente di essere ricercati, di essere amati, di portare un pizzico di buon umore dove prima c'erano solo lacrime.
Far ridere le persone è magico, ma per riuscirci devi essere il primo che ride, anche di sé stesso!

Ciao!! Anto :DD

Amore.

Qual'è il vero significato dell'amore? Io non posso spiegarlo, nessuno di noi può, ma oggi ho compreso quanto possa essere essenziale nella vita di tutti noi.
Sto piangendo, come poche volte in vita mia e la parte strana è la mia completa ignoranza del perché...
Io penso che l'amore sia quando ti svegli la mattina e pensi quali sono i vestiti fortunati nell'armadio cosicché lui ti dica qualcosa in più; quando stai sere intere a inzuppare il tuo cuscino di lacrime perché vuoi che il tuo cuore non sia più dentro di te, lo vuoi espellere attraverso le lacrime e visionare quanto davvero è lacerato; quando ogni giorno stai intere ore a guardarlo e senti che vivi solo per lui, solo per guardalo, la forma del corpo, i piccoli gesti che fanno di lui ciò che è. Stronzo o no. Quando fai attenzione alle più infime sfumature della sua voce, potrebbe presentarsi nel tono: disprezzo, pena, antipatia. Oppure: simpatia, gentilezza, affabilità, amore.
Quando cambi i personaggi dei libri adattandoli a voi due; quando senti un dolore reale, non fittizio al petto se lui posa anche solo lo sguardo su di un'altra.
 

Ma, soprattutto, amore è sapere dare tutto all'altra persona, essere in grado di volere solo la sua felicità, anche se essa ti potrebbe distruggere l'anima.

Per chi non crede che si possa amare a tutte le età.


 L'amore per me è questo e potrei parlarne per anni.
Antonia.

Boh...

Non so esattamente cosa scrivere oggi, dovrò improvvisare:
Vediamo un po', chi è bravo in fisica (non io)? Perché in effetti se vedeste i miei compiti in classe vi assalirebbero i conati di vomito. Invece in latino? Mah, non so, forse quello è un punto a mio favore...
Che giorno... quando vedo il cielo così plumbeo e il lago dello stesso colore so che sarà una giornata da dimenticare e infatti -.-", per giunta, mentre mi spogliavo per fare ginnastica, ho inzuppato tutti i vestiti con l'acqua della doccia e sono morta di freddo.
La scuola è deprimente, ma ho almeno delle soddisfazioni e qualcosa per cui lottare.
Ho freddo, è segno che sono triste...
Sto leggendo -Innamorata di un angelo-, per ora è decente, vedremo tra un po'.
Davvero non so che dire, 'Beh' direte voi 'Se non lo sai stai muta, così ci risparmi altri problemi'. E invece no, sono qui che scrivo e contemplo davanti a me una bottiglia di Vecchia Romagna (sono davanti al carrellino dove mettiamo gli alcolici), una grappa, un amaro e uno champagne. Mia mamma sta preparando la torta mimosa e siamo tutti felici.
Voi che fate quando siete tristi? Io leggo, per lo più, solo che devo studiare quei magnifici animali chiamati Cnidari o Celenterati, oppure ascolto della musica. Voi magari avrete qualche altro metodo (oltre rimpinzarsi di cioccolato)...
Come vorrei essere

Come sono

Mmm, vediamo se questa non è stata una giornata fortunata anche per voi (io sto pensando di bruciare i vestiti che ho indossato e non perché sono zuppi) parlatene pure, mi piace ascoltare, molto. Altrimenti sono felice meglio :)
Tho, sta spuntando da dietro la montagna un pallido sole che tra poche ore scomparirà dal nostro emisfero per farci scorgere la splendida luna illuminata perennemente dai suoi raggi.


Go-Kart

Infine un giorno ci torni, rivedi le persone che hai quasi scordato, che non sono più davanti ai tuoi occhi da tempo, ma che erano rimaste nel cuore.
Risenti la magia del luogo e ti ci fondi completamente, percepisci l'odore delle gomme sull'asfalto, della benzina nell'aria. Vieni quasi assordata dal rombo del motore e dalle urla divertite.
Ricordi quando, a cinque anni, tu (che strana bambina eri!) ci sei salita, senza la minima preoccupazione o timore. Emozionata sei balzata sul sedile con il tuo piccolo e gracile corpicino da ragazzetta. Non ti ha più fermata niente. Hai provato, l'anno dopo, a fare conoscere quel brivido della velocità ad una tua amica, ma lei è scappata via terrorizzata.
Ogni volta che ci risalivi il cuore batteva forte e il vento s'insinuava sotto il casco, cantavi a squarciagola perché ti divertivi come una pazza.
E ora sei lì, sono passati 10 anni e le emozioni sono sempre le stesse.


Quando, finita la gara, tutti i bambini uscivano in pista e, di notte, al buio, si rincorrevano, giocavano a nascondino. Tu eri là, una dei tanti bambini che non si dimenticheranno mai una tale magia.

Eh si, questa è un'altra delle mie passioni, è un po' strana vero per una ragazza che non vive senza libri? Che dire, sono complicata xD.

!!

Posso spaccare tutto?! Direi che sto spaccando questi tasti, dovrò comprarmi un nuovo computer!
Se c'è qualcosa che mi fa infuriare è che mettano gli innocenti in mezzo, non sto a spiegarvi cos'è successo, perché sono faccende private, ma giuro che detesto i mostri che mettono di mezzo i figli. Vorrei dargli dei pugni in faccia, come posso pensare al latino quando succedono delle ingiustizie tanto forti? Come pensare ad una versione quando il bene non è mai giustamente bilanciato? Quando compaiono delle preferenze con le persone che ami di più?
Mi fanno infuriare, mi fanno infuriare le lacrime ai bordi degli occhi, mi fa infuriare tutta la situazione!
Che vergogna di bestia è quella che non ha rispetto per bambini di 8 anni?!

 

Non riesco proprio a stare indifferente. Devo tranquillizzarmi, mi sono sfogata, ora guardo il lago, il cielo e scrivo, scrivo, perché è l'unico modo per essere me stessa! 

Migliore amico. :D

Questo è per il mio migliore amico! :D


Chi mi può capire? Io dico di dire ciò che penso, beh, ci provo sempre, ma non è che tu lo capisca molto... mi manchi tanto. 
Ok, adesso scrivo meglio, almeno ci provo, forse sarà più facile con un messaggio:
Guardo la primavera fuori dalla finestra e vedo volti, volti delle persone che amo. Sono poche, maledettamente poche. Tra queste ci sei anche tu, migliore amico mio.
Sai, perché ne hai avuto le prove, che spesso pecco di orgoglio, non è questo il caso. Ora tutto ciò che non va bene è la mia paura, quella di essere troppo lontani, di non poter più condividere le nostre avventure, i nostri viaggi. Dio, mi suda la mano, dal mio palmo escono lacrime.
Non potrei avere persona più vicina di te, tu che mi sopporti, in tutte le mie pazzie e i miei gesti avventati.
Ora sono io che ti voglio dimostrare il mio affetto nel modo migliore, scrivendo.
Parlando alla mia maniera.
Sappi che di chiunque tu ti innamorerai io sarò lì ad aiutarti, ma non trascurarmi.
Sembro una roccia, sono poco più di una zolla di prato.
Quante volte è capitato che mi dicessero: 'Uno dei due s'innamorerà' o 'L'amicizia tra maschi e femmine non esiste' o, da persone false, 'Si vede che non ci tiene veramente a te' o ancora 'Ha la ragazza, trovati un ragazzo e finiscila di credere nel tuo stupido sogno dell'amicizia per tutta la vita'.
Sai cos'ho capito? L'invidia e la cattiveria dell'essere umano sono spropositate. La nostra amicizia durerà per sempre, alla faccia di tutti coloro che mi criticano perché non hanno la fortuna di avere un amico del sesso opposto. Passeremo sopra le montagne. Con il mio sarcasmo e la tua ironia.
(ORA ho detto tutto quello che penso!).



 

Alla faccia di tutti coloro che non credono nell'amicizia tra maschi e femmine! 





...

La bellezza e la particolarità di una persona
si colgono dal numero di persone che la odiano.
I "super-amati" non sono e non saranno
mai niente di speciale.

  

Mia frase, foto presa da internet xD (mi piaceva troppo..).

Il Giovane Holden.

Ho finito anche -Il Giovane Holden-. Ammetto che sono stata obbligata a leggerlo per scuola e che ho scelto questo titolo unicamente perché era quello meno consigliato dalla prof, ma la verità è una... Mi è piaciuto!
Davvero. Non scherzo, mi è piaciuto molto e Vattelapesca. (xD)
Holden è un ragazzo strano, non è un adolescente come gli altri: è matto, critico, non gli va bene niente, paranoico, impaurito dall'omosessualità (ho trovato molto interessante conoscere qual era il parere sui gay alcuni anni fa), innamorato di quasi ogni ragazza che vede, ma ha un gran cuore: ama i suoi fratelli, morti e vivi e trova un lato buono in tutte le persone tranne che in sé stesso. Bisogna cercare di guardare sotto le righe per capire a pieno il significato di questo piccolo matto libricino, non soffermarsi solo sull'apparenza; in questo modo tutto ciò che, finora, ci è sembrato futile e sciocco ci apparirà qual'è e cioè molto molto importante. :)

 

(La copertina è paragonabile al libro, devi guardarci dentro per trovare il lato buono). 
Come voto 3,5 stelle mi sembrano giuste :)

Abbraccio.

Infine accade, guardarsi negli occhi, anima contro anima.
Un'attrazione infinita, una passione sconfinata. Sento il tuo cuore che batte.
Cerco d'indietreggiare per una qualche timidezza che sboccia solo con te, ma il mio corpo si blocca a contatto con il banco dietro la schiena.
Sono rimasta chiusa da due muri, desidero quello che mi sta di fronte.
Ti avvicini con decisione, mi afferri per le braccia, poi per la vita e mi sollevi. Io ti cingo con le braccia il collo. Come fossimo soli.
In un campo di grano, come due manga innamorati. Io, inizialmente lancio un urlò, poi rido. E rimaniamo abbracciati e felici. Solo un grande amore può dare tanta felicità, non volevo altro che un tuo abbraccio, mi hai accontentata. :)

 

Sono le cose semplici quelle migliori.