Spunti Accidentali

Almost Is Never Enough - Ariana Grande ft. Nathan Sykes 

Voglio fare ordine in camera mia prima che ricominci la scuola, voglio spostare i mobili e buttare tutto quello che non sento mio. Così da avere più spazio per i miei libri, magari per il mio futuro libro. Ho già ripulito tutto il mio armadio e la mia libreria dai vecchi adesivi che ci avevo appiccicato sopra, ci sono stata tutta una sera, con l'aria calda dell'estate che entrava dalla finestra. Non si può più fare, ormai le sere e i mattini sono diventati freddi e rimpiango così tanto quel caldo soffocante che gli altri detestano, perché io lo adoro, la mia pelle lo assorbe e si fortifica, amo il sole, amo agosto, gli odori e le sensazioni dell'estate...
Comunque oggi ho preso uno scatolone di cartone e ho cominciato ad aprire tutti i cassetti: tra cose che odiavo, ho anche trovato i libri della mia infanzia, una mia bambola di stoffa e il contenitore della sabbia magica, quella che si poteva immergere in acqua e poi quando la tiravi su era già asciutta.
Erano tutti così ingialliti, i miei libri sembravano di un'epoca passata da quanto erano rovinati, la mia bambola di stoffa non aveva né abiti succinti né il volto truccato come le bambole di adesso, al posto del naso aveva una perlina di plastica di quelle che si usano per creare le collane con tanto di buco in mezzo.
Non sono mai stata una ragazza nostalgica, tendo ad andare avanti senza guardarmi troppo indietro e ad accettare i cambiamenti, ma ci sono davvero rimasta a vedere come la mia infanzia sembrasse lontana. Quegli oggetti avevano qualcosa di diverso, di sorpassato che faceva capire che non ci potrebbero essere sicuramente in uno scaffale di un negozio di giocattoli.
Io amo il progresso e voglio che ci sia, solo che ogni tanto vorrei che il tempo si fermasse un attimo giusto per assaporare meglio sentimenti che tra dieci anni saranno scomparsi. Il tempo scorre, la lancetta  dei secondi lo scandisce con decisione e noi la lasciamo fare, noi permettiamo davvero che i nostri vecchi mobili si riempiano di polvere, permettiamo che i nostri libri giacciano in una soffitta polverosa e non diamo loro la possibilità di esistere. Forse perché crediamo che se noi non li usiamo più, allora loro smettano di vivere... ma non è così, gli umani invecchiano, gli umani muoiono; gli oggetti sono quelle cose che ci ricordano il rispetto per il passato, per coloro che hanno contribuito a formare il presente.
Progresso per favore fermati, solo per un secondo, un secondo prezioso che ci ricorderà che prima c'è stato il vinile, poi i cd, poi itunes, adesso musica pirata che si scarica gratuitamente e in futuro niente più cantanti perché non avranno i soldi necessari per vivere. Progresso fermati perché gli umani non capiscono che non sono infiniti come i numeri e che in salita dopo l'uno c'è lo zero.

Commenti

  1. Il modo migliore per assaporare le cose è... cogliere i dettagli e le piccolezze.
    Non siamo infiniti, è vero, e oggi per me è una giornata malinconica.
    Non so perché.

    In ogni caso, l'estate è la MIA stagione e anche adesso che il caldo torrido è sparito, giunge l'estate più fresca, della ripresa, delle nottate tra film e cucina, dei pub, delle birre, delle passeggiate in montagna...

    Un abbraccio.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente l'estate più fresca non la vedo come estate, la mia estate è solo quel caldo soffocante che io amo, l'odore dolciastro dei fiori cotti al sole e quello salmastro del lago u_u

      Elimina
  2. Non so neanche come fai a cogliere così bene certi aspetti di quello che ci sta intorno. Avere una sorella di dieci anni fa capire un sacco di cose.
    Mi ricordo quando alla sua età andavo a casa degli amici e giocavamo con i giochi da tavola, quelli che adesso nessuno se li fila più. Che giocavamo a ricreazione a pallina o a briscola in coppie. I bambini di dieci anni di oggi passano le ricreazioni a sfogliare libri sugli One Direction o a chiacchierare di quello che si sono detti ieri su Facebook o su Stardoll e quando vanno gli uni a casa degli altri per giocare passano le ore attaccati a Just Dance 4. Niente in contrario a Just Dance 4 ma passarci interi pomeriggi quando si hanno solo 10 anni dovrebbe essere vietato da una qualche legge.
    Il progresso è positivo ed è bene che prosegua, ma le vecchie usanze, le tradizioni, le invenzioni del passato devono restare, devono essere ricordate e vissute, prima di passare a quelle nuove e moderne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Anche tu cogli bene i concetti, comunque io non so cosa sia Stardoll xD

      Elimina
    2. Bhè non lo sapevo neanche io u.u Finchè mia sorella non è arrivata a casa dicendolo e io mi sono informata dai miei amici social-network-dipendenti ç_ç

      Elimina
  3. Le tue parole sono sempre bellissime...e poi concordo con tutto quello che hai detto!!
    Anche a me capita di mettere a posto, riordinare, e ritrovare degli oggetti di quando ero piccola...e li fisso imbambolata, perchè mi sembrano così perfetti...
    Mi piacerebbe che il tempo si fermasse; solo per un pò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sì, sarebbe bellissimo, o comunque sarebbe bello riuscire ad assaporare davvero i momenti che viviamo, ma è difficile, sembra che tutto scivoli via troppo velocemente :/

      Elimina
  4. Per me il tempo di questi ricordi è passato da un po' ma ammetto che anch'io alla tua età volevo sempre spostare i mobili... e in fondo la tentazione non mi è ancora passata del tutto.
    Il progresso purtroppo non si ferma ma non credo il problema sia quello... Se i ragazzini di dieci anni passano il pomeriggio attaccati a Just Dance 4 (mettendo fra parentesi che ho 30anni suonati e 'sta roba non so cosa sia)... forse nessuno di primo acchito ci pensa ma lo fanno perchè i genitori glielo permettono! Quelli stessi genitori che nelle tradizioni, nelle vecchie usanze di cui parlate, ci sono cresciuti. Penso il problema vero sia l'incapacità di fare tesoro di momenti come quello che stai passando, quando ti guardi indietro e cerchi di capire come sei diventata quella che sei partendo dalle cose di quando non lo eri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in effetti, c'è anche quest'aspetto, le persone non sanno fermarsi e guardarsi un po' indietro di tanto in tanto. Ma poi, se io vedessi mia figlia di dieci anni stare tutto il tempo davanti alla televisione imbambolata, le direi di fare qualcosa insieme, invece sembra che non gl'importi... bah

      Elimina
  5. E' incredibile l'uso che fai delle parole !!!
    Ogni post che scrivi è magnifico ...
    Io non ho l'occasione di vedere gli oggetti della mia infanzia , perché sono già in degli scatoloni ed è raro trovare qualcosa del genere nella mia stanza xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, io ero molto affezionata ai miei oggetti di quando ero piccola, solo adesso sto avendo il coraggio di rinchiuderle negli scatoloni xD Comunque grazie mille! *^*

      Elimina
  6. Ciao!!!!!
    É bellissimo qui....
    Se ti va, seguiamoci!!!!
    Betta
    http://230784.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, si certo! Io seguo te e tu segui me ;D

      Elimina
  7. Piccola sposta tutto, fa rivoluzione nella tua stanza, nel tuo cuore e nella tua testa, butta, spacca cose che non senti tue e inizia ad essere te stessa (:
    comunque sì Amsterdam è qualcosa di spettacolare, caratteristica al massimo! Sì c'è il mercato dei Fiori, il museo del Tulipano e diversi giardini inerenti al tulipano. Beh ognuno ovviamente ha i suoi gusti. Il caldo, l'afa non fanno per me.
    Ma anche l'Amazzonia dev'essere un paradiso tropicale, quindi bando all'afa! Embe' anche a me piacerebbe visitare il mondo, posso dirti che ultimamente 'sto visitando parecchi posti. Vedrai che anche tu riuscirai, ne sono sicura piccola!

    <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie davvero, per tutto quello che hai detto. Sei sempre molto dolce e lo apprezzo davvero tanto <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Mani fredde, cuore caldo

Il mio libro non uscirà