Il mare

Ti svegli un giorno ed è dura andare avanti. Quanto sono difficili i pensieri di persone che hai perduto. Capisci che tu sei artefice e frutto della tua sofferenza. Che fai soffrire altre persone della stessa sofferenza che provi tu. E ti chiedi, perché le persone sono così piccole e limitate?
A volte ti dimentichi anche dei tuoi stessi sogni.
Ti dimentichi di chi volevi diventare.
Scordi i volti che ti sono stati amici, scordi i volti che ti hanno resa felice.
Ne vorresti di nuovi, per questa sete infinita di felicità, ma nessun volto può renderti tale. Nessun volto ti potrà rendere sempre felice.
Lo vedi ascoltando delle canzoni nascoste negli anfratti della tua tecnologia. Lo vedi ritrovandoti in luoghi che non calpestavi da anni.
Le sciocchezze della vita ti portano a fare memoria. Ma questa memoria è spesso dolorosa.
E ti chiedi perché hai abbandonato quella persona. Perché provi questo senso d'inutilità, guardandola. Ti chiedi come mai quella persona ti ha lasciato, da sola.
Come si scorge la contentezza in questa nube di ombre? Come si può provare serenità per il vivere? In una vita che è poi così corta come la mia, se già perdo delle tessere fondamentali, come potrò continuare a ricordare e a essere?
Per quanto tempo ancora dovrò assimilare, assommare, contare i volti, le persone, le sensazioni, le realtà, le verità? Non esiste il momento in cui il tempo si ferma per farti respirare.
Ma mentre tutti questi pensieri si arrovellano nella tua testa, tu ti alzi quella mattina, e ti vesti, e mangi, e cammini, e studi, e parli, e ridi, e vivi. E sei incredibilmente, inspiegabilmente grato di poterlo fare.
Ti ritrovi tutto ad un tratto a celebrare una vita che poco prima avresti massacrato, cosciente che tutti quei volti non sono perduti.
Sono ancora qui.
Presenti nelle tue giornate, nei tuoi gesti e nelle tue parole.
Ed è liberante il pensiero che tu non ti fai da sola. Tu sei solo un essere umano, plasmato dalle vicende che hai vissuto e magari anche dimenticato. Tu sei fatto di quei volti. Ogni volto, ogni giorno, ogni secondo, ti cambia e ti crea. Ed è lineare, un percorso che segui costretto, perché sei obbligato. Ma è molto diverso, dagli anni in cui mi facevo travolgere dalle onde sulla rotta, questo tempo, questi anni, in cui le onde sono più grandi di me, e io, cosciente, mi affido a loro. Mi muovo, cammino, remo, per forza perché sono lasciata qui libera; ma guidata. Le onde non mi trasportano, non mi fanno avanzare, ma mi sorreggono. Non litigo con loro, le ascolto.

Potrei tornare a urlare loro contro, potrei prenderle a pugni, loro non si smuoverebbero, ma io ritornerei da capo. E quante ricadrò in questo vortice. E tutte le volte il mare resterà là, fermo, ad attendermi.  

Commenti

  1. Bellissimo post, come sempre. Parla da solo, quindi invece di commentarlo continuerò ad ascoltarlo

    RispondiElimina
  2. Bella la frase "Scrivere è la mia più grande salvezza".
    Uso il tuo stesso antidoto. Per allontanare le nuvole grigie, che gravano sulla mia vita, scrivo.

    www.missdreamer.altervista.org

    RispondiElimina
  3. Alla fine dei conti noi non siamo altro che il risultato delle nostre scelte, giuste o sbagliate che siano. Alcune di queste scelte possono essere corrette altre invece no. Meglio quindi non perdere tempo su quello che non può essere corretto e focalizzarsi sul resto.
    Come diceva Confucio: "Un uomo che ha commesso un errore e non lo ha riparato, ha commesso un altro errore. "
    Un saluto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Mani fredde, cuore caldo