Ho finito di leggere "il diario delle fate" ed ecco cosa ne penso <3

Il particolare stile delle scrittrici è invidiabile. La loro particolarità è nota sin dalla prima pagina. Devo dire che non è stato in grado di superare la soglia dell'ottimo, che caratterizza, invece, altri libri letti; ma, forse per chiarezza, forse per il perfetto delineamento dei personaggi mi ha colpita molto.
Sparrow, in particolare, anche prima di sentire la grande verità, mi ha conquistata. Delineata in modo perfetto anche Meteora, la sorella che prediligo. Serana, invece, non so perché non mi è entrata nel cuore.
Ho trovato splendida la cura con cui si descrivono le erbe aromatiche per gli incantesimi e le cure.
Un punto debole è la mole, per i miei standard, ridotta che mi ha portata a leggerlo in un lasso di tempo limitato e, forse, ad apprezzarlo di meno.
3 stelle e mezzo per "Il diario delle fate" di Jane Yolen e Midori Snyder.

La copertina originale:

 
Quella italiana: 

 

Le frasi più belle: 

"Volete provarlo quell'amore umano, quella debolezza che inchioda con più forza di un incantesimo"

"Ma una freccia che vaga libera per il mondo alla fine deve trovare il suo bersaglio, ed esistano pochi segreti che prima o poi non giungano all'orecchio di qualcuno" 

"La magia dissimula. La magia manipola. La magia persuade"

"Eravamo due giovani, graziosi virgulti e sprecavamo i nostri poteri donandoli a chiunque ci appagasse, senza pensare nemmeno per un attimo che un giorno qualcuno avrebbe potuto svuotarci di questa magia, così come si rovescia un barattolo di sementi"

"Siamo tutti esseri magici cacciati via dal mondo fatato e catapultati in questo mondo di ferro, pietra e oscurità" 

"Non posso evitare di allungare una mano e toccarle una guancia"

"La vecchiaia funziona meglio del mantello dell'invisibilità" 

"E infine aveva bisogno di argento, un po' di argento puro. Era l'unico amuleto in grado di uccidere quell'assassino figlio di puttana" 

"Non siamo mai abbastanza vecchi da smettere di cercare il conforto dei nostri ricordi d'infanzia più dolce" 

"Il suo mormorio passava attraverso le assi in una cascata di note che le cadeva addosso come una polvere dorata sotto la luce del sole" 

"Più la sua identità era diventata folle e pericolosa, più era diventata vera"

Grazie per questa splendida avventura ^_^

Commenti

  1. Allora? In definitiva ti è piaciuto più che a me?

    RispondiElimina
  2. Si, mi è piaciuto abbastanza :D credo più che a te xD

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Il mio libro non uscirà

Mani fredde, cuore caldo