Lost. Lost like few people. (Testo)


Vorrei sottolineare che la ragazza del testo non sono assolutamente io e la visione del mondo dello scritto non mi appartiene in alcun modo, se non in casi specifici. Con questo scritto non ho la minima intenzione di offendere, è pura opera di fantasia e non m'ispiro a fatti reali. Non voglio che il testo sia divulgato, farò eccezioni solo a patto che qualcuno me lo chiedesse, ma in tal caso solo una o due frasi, l'intero testo rimane di mia proprietà e di nessun altro. (Queste specificazioni sono solo per evitare commenti spiacevoli, non mi azzarderei nemmeno per un attimo a pensare che voi blogger fidati vogliate offendere il mio testo).
Detto questo, spero vi piaccia :)


Persa. Persa come poche persone.
Quando la gente mi vede scappa e io la esorto a fuggire via più veloce del vento. Esteticamente non faccio paura, ma ciò che ho dentro si rispecchia fuori e le persone mi evitano.
Ragazza problematica” dicono, per non chiamarmi pazza. Io non sono pazza, io guarirò. Guarire da cosa? Dalla mia natura? Da me stessa? Se solo potessi.
Cammino con lo sguardo a terra, sento di appartenere ad essa. Un altro elettroshock e non sarei sopravvissuta. Dovevo fuggire. Accanto a me c'è una panchina, con sopra una sigaretta mezza fumata. La prendo, le mie mani sono piene di ferite. Il fumo mi va negli occhi. Bruciano. Si cerchiano di rosso. Sono pazza. Non ho la forza di piangere, quello che ho già visto mi ha prosciugato le lacrime. Mi sento vuota. Cado a terra, ovvio, non mangio da giorni. Non ho niente dentro di me, neppure una briciola di cibo. Le persone mi fanno schifo, quelle che dicono di essere buone, intendo.
Preferisco di gran lunga chi ha una gran voglia di rovinarti la vita. Uno spacciatore non fa differenze, lui vuol far morire tutti e guadagnarci sopra. Orribile. No, reale. Tutti vogliono farlo. Vedo famigliole carine con figlioletti. I genitori camminano contenti e insegnano ai propri figli l'arte di aiutare chi ha bisogno. Io secondo loro sono una straricca che non sta per morire di fame. Le persone come loro mi fanno schifo, coloro che hanno paura, paura di altre persone perché sono diverse.
Anche i miei fratelli sono così e i miei genitori non sono da meno visto che sono stati loro a buttarmi in ospedale. Ospedale. Macello sarebbe più appropriato come nome.
Chiedo un bicchiere d'acqua e mi dicono di smammare dal negozio. Mi siedo a terra. Mi sdraio. Non sento più niente di me. Ma il freddo mi colpisce, il freddo che la gente emana. Indifferenza. Anche di fronte alla morte. Respiro e mi convinco di star andando in un posto migliore. Nessuno mi soccorre. Chiudo gli occhi e immagino, ho ancora l'immaginazione con me e la sfrutto per guardare il Paradiso. E' lì che andrò sebbene gli altri mi manderebbero all'Inferno. Sussurro la parola felicità. E muoio. La mia anima vola via e vedo ancora la gente. Mi passano intorno e imprecano perché sono in mezzo alla strada, s'indignano. Ho scoperto dove vive il Diavolo. 

Commenti

  1. Eh, il diavolo vive tra la gente fredda, o al di là, dove volano le anime? :D

    Chissà.

    Bel testo, baby!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh questo dipende da come chi legge interpreta ;D

      Elimina
  2. Ah, una cosa, mi potreste per favore indicare errori se ne trovate? E se vedete qualcosa che non va bene, qualche errore, me lo segnalereste e un'ultima cosa, se notate che manca qualcosa, se non vi convince, se avete suggerimenti, non abbiate paura, io non mi offendo se mi fate critiche costruttive, potete benissimo espormele! :D

    RispondiElimina
  3. Ehilà! Bellissimo testo An! Direi che hai superato te stessa ma... non lo fai sempre? ;)
    Comunque, alla prima lettura il testo è solo bellissimo, ho dovuto leggerlo una seconda volta per vedere se qualcosa non andava.
    Non vorrei sembrare la guastafeste puntigliosa ma questo testo è quasi perfetto e se per renderlo perfetto servono solo un paio di stupide e puntigliose correzioni credo sia giusto farle. E poi mi piacerebbe che qualcuno, ogni tanto, avesse il coraggio di dirmi cosa non va nei pochi testi che divulgo, quindi lo faccio anche io.
    Odio il fatto di non possedere il dono della sintesi! ho già riempito mezzo commento con niente! >.<
    comunque, le mie sono solo impressioni e ti dico cosa secondo me potrebbe renderlo migliore. Si insomma hai capito che non voglio farti critiche ma dare consigli quindi la smetto. ^^"
    In "guarire da cosa, mi chiedo" credo che sarebbe meglio sostituire la virgola con un punto interrogativo e magari mettere la domanda in corsivo. Di solito nei libri lo fanno quando i personaggi di pongono delle domande interiori seguite dalla formula "si chiese" "pensò" e compagnia bella, anche quando il testo è in prima persona.
    Però bho, vedi te, è solo un cavillo estetico.
    Poi, quando nel testo si dice che la ragazza prende una sigaretta, immagino che la raccolga da terra o qualcosa del genere dal momento che sta morendo di fame perchè è senza un soldo, giusto? Correggimi se sbaglio.
    Comunque questa cosa della sigaretta non mi convince molto. Magari dovresti parafrasare il fatto che la raccolga da terra o qualcosa del genere. Solo per una questione di coerenza, altrimenti così si potrebbe non capire. Bhe insomma solo uno che non ha capito nulla del testo potrebbe fraintendere però... Bho.
    Ho detto tutto credo, poi fa te ^_^
    Complimenti ancora! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >_______< Ma perchè scrivo sempre così taaaaaaaaaaaaaaaaanto? ç_ç

      Elimina
    2. Ahahahah, allora vediamo, ho apportato le tue modifiche, in quanto alla sigaretta avevi ragione, ho cambiato un attimo. L'ho messa perché ho pensato che il fumo lenisce la fame e la prendeva per quello. Poi per la domanda, anch'io ci avevo pensato mentre lo scrivevo, però ho pensato che se avessi messo il punto interrogativo il "mi chiedo" sarebbe sembrato la risposta alla domanda e allora l'ho messo in corsivo xD Per la cosa del "si chiese" ecc... non saprei, a me sembra che si dica in prima persona se il testo è in prima persona, comunque quelle sono scelte personali, non credo ci sia una regola xD

      Grazie mileeeeee e non mi offendo non ti preoccupare ahahah!

      Elimina
    3. Per il discorso del "si chiese" intendevo dire che di solito la mettono in corsivo con il punto interrogativo sia che di seguito ci sia "si chiese" "si disse" in terza persona, sia che ci sia "mi chiesi" "pensai" in prima persona ^^

      Comunque prego, sono felice di aver dato una mano.

      Elimina
    4. Ahhhhh, ho capito adesso cosa intendi ahahahahah, sì sì hai ragione! Io lo intendevo come un pensiero della ragazza xD sono un po' tarda ahahaha!

      Elimina
  4. I like, I like, I like Anto!! Brava! Non potrei mai correggerti, io rispetto lo stile di scrittura di ogni persona, c'è a chi piace usare più punti, c'è a chi piacciono le frasi complesse. L'importante è comunque sapere rendere il messaggio e tu ci sei riuscita!!

    Bacio!


    Sally

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :D A me piacciono tanti stili di scrittura, molto spesso uso frasi lunghe e articolate perché mi divertono, ma in altri casi mi sembrano pesanti e scrivo in modo semplice così da far arrivare il messaggio forte e chiaro, ma sempre con un certo alone di mistero dovuto al fatto che ognuno ha la propria chiarezza di pensiero. Spero che tu abbia capito ahahah xD

      Elimina
  5. Oddio questo testo è davvero meravigliosoooo*-*
    Questo testo ,a mio parere , è il migliore che tu abbia scritto . E io adoro tutti i tuoi testi ^^ Quello che lasci intendere nei tuoi testi ... insomma li adoro !!!!!

    RispondiElimina
  6. E spero che ce ne sarà un altro che ti piacerà ancora di più! ;D

    RispondiElimina
  7. Ciao piccola. Sono viva credo.. Purtroppo o per fortuna sono andata comunque a casa sua,il mio cuore e il mio istinto mi dicevano di far così. In quel momento ho buttato fuori ciò che mi tenevo dentro. Mi son sentita patetica, poiché lo scongiuravo di ripensarci, non puoi immaginare quante volte gli ho ripetuto di rifletterci, di pensare ma.. niente, impassibile e deciso nella sua scelta. La motivazione per cui ci siamo lasciati la trovo insulsa, futile e sopratutto poteva essere risolvibile. Ahimè vado avanti, voglio andare avanti anche se tutto crolla. Sono determinata, quindi forza Phi! Mi raccomando! Fatti sentire (:

    RispondiElimina
  8. Brava, avanti sempre avanti, te lo prometto, ogni volta che avrai bisogno parlamene senza timore di disturbare ;)

    RispondiElimina
  9. la fantasia è in forma molto aggraziata .. complimenti

    RispondiElimina
  10. Felice fine settimana a Te...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma ora che sono in vacanza, è sempre il fine settimana xD

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

We accept the love we think we deserve

Il mio libro non uscirà

Mani fredde, cuore caldo